Carocci editore - Miti e mondi vittoriani

Password dimenticata?

Registrazione

Miti e mondi vittoriani

Francesco Marroni

Miti e mondi vittoriani

La cultura inglese dell'Ottocento

Edizione: 2004

Ristampa: 3^, 2011

Collana: Studi Superiori

ISBN: 9788843028436

  • Pagine: 264
  • Prezzo:22,50 21,38
  • Acquista

In breve

Questo volume prende in esame la cultura inglese dell´Ottocento tenendo conto della complessità e delle contraddizioni della società vittoriana. Ossessionati dall´idea di vivere in una fase di transizione, pensatori come Thomas Carlyle, J. S. Mill, John Ruskin e Matthew Arnold furono gli interpreti più autorevoli di un periodo che segna la fine di tutte le certezze e l´inizio di quello che Thomas Hardy chiama «il vizio moderno dell´irrequietezza». Nella persistenza di una visione del mondo ancora improntata al mito romantico, scrittori e poeti vittoriani scrissero opere in cui le irrisolte dicotomie - passato e futuro, campagna e metropoli, restaurazione e progresso - divennero la scena di una crisi profonda che interessò non solo la società ma anche, ad un altro livello, le modalità di rappresentazione artistica. Di qui gli interrogativi e i dilemmi di molti intellettuali che, in modo spesso drammatico, si posero il problema dell´identità nazionale. Di qui anche i programmi e le proposte che, puntando a un superamento del mondo industriale e della sua organizzazione economica, delinearono modelli socio-economici alternativi. Rimane il ritratto di un secolo culturalmente irrequieto, pronto a combattere per difendere il suo orizzonte assiologico ma, al tempo stesso, incapace di credere fino in fondo in se stesso, nei suoi miti e nei suoi mondi.

Indice

Premessa/ 1.Il vittorianesimo: la cultura del cambiamento e i presupposti ideologici dell´Impero/Verso la formazione di una coscienza nazionale/Thomas Carlyle e la classe operaia: fra messianesimo biblico e sogno di ordine/Prima e dopo John Stuart Mill/Charles Darwin, la scimmia e il poeta/Visioni e rivelazioni ruskiniane: un "profeta" contro le brutture dell´industria/ 2.La letteratura e il mondo: nuove strade della ricerca artistica/La persistenza del romanticismo e le forme dell´immaginazione vittoriana/Dalla parte delle passioni: Charlotte Brontë e il fantasma della pittura/Jane Eyre, la voce femminile e la scrittura della differenza/Emily Brontë, Wuthering Heights e le periferie del mondo/ 3.Tra romanzo e poesia: modelli di mondo e miti della modernità/Charles Dickens, la metropoli e le favole belle e tristi della società vittoriana/George Eliot fra religione dell´umanità e «vane speranze»/Elizabeth Gaskell e lo spazio angusto delle pareti domestiche/Riscritture e dilemmi della grande e corrotta «fiera» vittoriana/Matthew Arnold, la lezione di Newman, le illusioni del progresso e l´ideale della poesia/Il monologo drammatico di Robert Browning e i frammenti del secolo/ 4.La cultura e la crisi: disseminazioni letterarie e conflitti interpretativi/Gerard Manley Hopkins, il mistero dell´universo e la Confraternita preraffaellita/William Morris, le voci del Medioevo e l´utopia socialista/Classe operaia e romanzo: George Gissing e George Moore contro la crisi della rappresentazione/ Thomas Hardy dal romanzo alla poesia: immagini di un secolo senza profeti / Bibliografia / Indice dei nomi

Watch Porn Video