Carocci editore - Medea tra noi

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Medea tra noi

Gian Carlo Nivoli

Medea tra noi

Le madri che uccidono il proprio figlio

Edizione: 2002

Collana: Fuori collana

ISBN: 9788843023578

  • Pagine: 96
  • Prezzo:9,10 7,74
  • Acquista

In breve

Accostare il concetto di 'madre' a quello di 'assassina' del proprio figlio costituisce, nella nostra cultura, una terribile contraddizione di termini. Il figlicidio, infatti, è un gesto del tutto incomprensibile, un delitto ad alta visibilità sociale che provoca allarme, suscita timore, condanna e stupore ed evoca inquietanti fantasmi. Ma quanto c'è di folle in una madre che sopprime una vita che lei stessa ha generato' Quali sono le motivazioni profonde che spingono una donna a uccidere il proprio figlio' Questo libro, scritto da uno dei maggiori esperti italiani di criminologia e psichiatria forense, si interroga sugli inquietanti quesiti evocati nell'opinione pubblica da fatti di recente e tragica attualità. Non pretende di dare risposte definitive e certe, ma di indagare, con competenze e lucidità, i profondi, nascosti e, a volte, perversi percorsi verso i quali si può incamminare l'animo umano.

Indice

Introduzione 1.Figlicidio: definizione e frequenza 2.Il mondo degli animali: le femmine-madri che uccidono i propri nati 3.Il mondo sociale delle relazioni umane: motivazioni al figlicidio/Il diritto dei genitori di vita e di morte sui figli/Il neonato come un 'non essere umano'/I comportamenti di guerra/La necessità di riduzione delle nascite/L'ottimizzazione dell'economia rurale/I provvedimenti eugenici postnatali/Le adesioni a valori edonistici/I valori religiosi, mistici e settali 4.Il mondo psicologico personale della madre che uccide il proprio figlio/L'atto impulsivo delle madri che sono solite maltrattare i figli/L'agire omissivo delle madri passive e negligenti nel ruolo materno/La vendetta della madre nei confronti del compagno/Le madri che uccidono i figli non desiderati/Le madri che uccidono i figli trasformati in capri espiatori di tutte le loro frustrazioni/Le madri che negano la gravidanza e fecalizzano il neonato/Le madri che ripetono sul loro figlio le violenze che avevano subito dalla propria madre/Le madri che spostano il desiderio di uccidere la loro madre cattiva ed uccidono il figlio cattivo/Le madri che desiderano uccidersi e uccidono il figlio/Le madri che uccidono il figlio perché pensano di salvarlo/Le madri che uccidono il figlio per non farlo soffrire/Le madri che prodigano cure affettuose al figlio ma in realtà lo stanno subdolamente uccidendo 5.Gli scenari di fondo in cui avviene il delitto di figlicidio/Il sentimento inadeguato della maternità/La presenza di psicopatologie acute/L'abuso di sostanze voluttuarie/La presenza di situazioni problematiche 6.La confessione del delitto/La relazione con le motivazioni al delitto/I processi psicologici di trasformazione dell'immagine dell'aggressore e della vittima/Le influenze esterne ai fini difensivi/Le amnesie di competenza psichiatrica 7.Il comportamento della madre dopo l'uccisione del figlio/La fase immediatamente seguente all'arresto/La fase prima della conclusione del processo/La fase dopo la conclusione del processo/La fase del reinserimento sociale Conclusioni Bibliografia