Carocci editore - Bugie finzioni e sotterfugi

Password dimenticata?

Registrazione

Bugie finzioni e sotterfugi

Cristiano Castelfranchi, Isabella Poggi

Bugie finzioni e sotterfugi

Per una scienza dell'inganno

Edizione: 2002

Ristampa: 5^, 2015

Collana: Quality paperbacks

ISBN: 9788843023462

  • Pagine: 264
  • Prezzo:15,50 14,73
  • Acquista

In breve

Menzogne, finzioni, sotterfugi, truffe, imbrogli, bugie pietose, ipocrisie, adulazioni; propinate da bugiardi, fanfaroni, millantatori, e date a bere a polli, merli, gonzi, creduloni. Sono più di trecento le parole italiane che riguardano azioni, personaggi e strategie dell’inganno, e se la lingua è così ricca di sottili distinzioni, ancor più vasto è il repertorio di trucchi e strategie che la nostra mente ha a disposizione per far credere il falso o semplicemente non far sapere il vero. Ma che cos’è l’inganno, e perchè esiste? Si basa sulla comunicazione o sulla fallibilità dei sensi e della ragione umana? Si misura rispetto a una verità oggettiva o soggettiva’ Ed è corruzione del linguaggio e dei rapporti tra gli uomini o necessità razionale e pilastro della convivenza civile? E ancora: si può fare a meno della finzione? È più difficile mentire o dire il vero? Come si fa a calunniare, insinuare, lusingare, fuorviare, bluffare e farla franca? Attraverso esempi curiosi e divertenti tratti dalla letteratura, dalla storia e dall’esperienza quotidiana, a queste e altre domande il libro cerca di dare una risposta, magari falsa, ma sincera.

Indice

Introduzione/ Premessa 1.Un modello della mente e del comportamento sociale/Scopi/Conoscenze e rappresentazioni/Socialità/Dalla cognizione alla comunicazione/La comunicazione linguistica - Parte prima. Che cos’è 2.L’inganno: tra verità e punti di vista/L’inganno, debolezza della cognizione/La differenza fra "dire il falso e "mentire"/Sistemi cognitivi e non: inganno deliberato e funzionale/Vero e falso, sincero e insincero, buona e mala fede 3.L’inganno come atto finalistico/Una definizione di inganno/Le condizioni dell’inganno 4.L’inganno come violazione di diritti/L’inganno come atto sociale aggressivo/Il diritto alla conoscenza 5.Inganno e segreto/Il segreto è un inganno per omissione’/Il diritto di tacere e il diritto di sapere/La difficoltà del segreto/Punti di vista’/Conclusioni 6.Inganno e comunicazione/Inganno e comunicazione: un rapporto necessario’/Inganni senza comunicazione/L’inganno tra cognizione e comunicazione/Conclusione: una visione Bambabeffiana’ - Parte seconda. A che serve 7.Perch  esiste l’inganno’/Le basi razionali dell’inganno sociale/Criteri dell’altruismo reciproco delle conoscenze/Due defaults speculari 8.L’inganno e la natura dei linguaggio/Se tutti ingannassero, che succederebbe’/Il linguaggio perderebbe senso’/Comunicazione e inganno: due strade per influenzare gli altri/L’inganno mina la fiducia 9.Le leggi dell’inganno/Perchè si inganna/Ambiguità dello "scopo di ingannare"/Eccezioni: quando sapere è un male 10.Inganno e relazioni sociali: amore e odio, potere, scambio, immagine/Altruismo e aiuto: inganni prosociali tutori/Odio e aggressività: verità per nuocere/Inganno e potere/Inganno e scambio: l’anima del commercio"/Immagine ed inganno/Conclusioni - Parte terza. Credere e far credere 11.Credere/Che significa credere’/Il grado di certezza originaria/Certezza da compatibilità/ Come far credere/È necessario il meta inganno’ 12.Ingannevol-mente/La mente dell’ingannatore/Creatività e fantasia/Menzogna e coscienza/Come ordire l’inganno/I problemi dell’ingannatore. Vero e falso: facile o difficile’/I problemi dell’ingannato: i mille volti della falsità - Parte quarta. Come si fa 13.Famiglie, generi e specie/Non far sapere il vero, far credere il falso: scopo di privazione (ignoranza) e scopo di deviazione (errore)/Gli strumenti: omissione (lasciare che) e azione (fare in modo che )/La mente dell’altro/Scopi e strumenti dell’ingannatore, e conoscenze dell’ingannato/Sei strategie di inganno/Deviare per privare: il mascheramento è d’obbligo’ 14.Attraverso i sensi, attraverso la mente: dall’oscurare, al fingere, al dare ad intendere/I loci dell’inganno: interventi sul processo di acquisizione della conoscenza/I loci della privazione/I loci della deviazione/Fingere o simulare: ingannare mediante l’apparenza/Azioni deviative sulla mente. Comprensione scorretta e inferenze erronee 15.Anatomia della menzogna/La struttura dell’atto linguistico: influenzare attraverso il dare conoscenze/L’atto linguistico della menzogna/Lo scopo anticomunicativo della menzogna 16.L’armamentario del diavolo/Una ragnatela di inganni/Meta inganni o inganni del secondo ordine/Recitare: l’inganno rivelato/Fingere di recitare/Scherzi ed altri inganni da rivelare 17.Come ingannare dicendo il vero e non ingannare dicendo il falso/Dire il vero per ingannare (per far credere il falso)/Dire il falso ma non per ingannare 18.L’inganno indiretto/Ancora, far credere il falso dicendo il vero/Vero e falso nel sovrascopo/Perchè si inganna in modo indiretto’ -Parte quinta. Vivere d’inganno 19.La menzogna della civiltà/Le bugie di cui viviamo/A che servono’ Come funzionano’/La superiore verità della finzione/La creazione della realtà/Collusione e "bugia vitale’: l’altruismo reciproco dell’autoinganno/Il re è nudo!/Il teatro della vita e l’angoscia dell’ignoto 20.Divertissement: paradossi e rompicapo della menzogna/Paradossi e postulati/La divina impossibilità di mentire (dire il falso)/Le profezie che si autoavverano e il placebo/Fare i fatti per non dire il falso/Bugie antibugia Conclusione. False conclusioni in forma di vere/Tra Montaigne e Pascal, i due volti della menzogna. Bibliografia.