Carocci editore - Oltre la timidezza

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Oltre la timidezza

Giulio Perugi

Oltre la timidezza

La fobia sociale

Edizione: 2001

Collana: I Manuali

ISBN: 9788843018031

  • Pagine: 304
  • Prezzo:18,40 15,64
  • Acquista

In breve

La maggior parte delle ansie e dei disagi che affliggono l'uomo contemporaneo riguarda i rapporti e le relazioni interpersonali. L'interesse per l'ansia e la fobia sociale deriva dalla crescente consapevolezza dell'enorme diffusione di queste esperienze e dell'impatto considerevole, in termini di sofferenza individuale e disadattamento sociale ed economico, che esse comportano nella vita. In realtà esistono oggi evidenze sempre maggiori che la fobia sociale, anche nelle forme più gravi, può essere curata con successo, sia con trattamenti farmacologici che cognitivo-comportamentali. Lo scopo di questo volume è quello di fornire una rassegna critica approfondita di quello che attualmente si conosce degli aspetti epidemiologici, psicologici, neurologici, clinici e terapeutici della fobia sociale, il tutto arricchito dalla personale esperienza clinica e di ricerca degli autori. Il testo si propone di fornire un aggiornamento agli operatori che si trovano a trattare i pazienti con fobia sociale. Un'attenzione particolare è rivolta alle caratteristiche del disturbo nei bambini, come pure alla comorbidità con altri disturbi d'ansia, depressione ed alcolismo.

Indice

Introduzione 1. Cenni storici sullo sviluppo della concezione attuale di disturbo da ansia sociale 2. Aspetti epidemiologici dell'ansia sociale: prevalenza nella popolazione generale, sottotipi e caratteristiche demografiche 2.1.Età di insorgenza 2.2.Sottotipi 2.3.Sesso 2.4.Stato civile 2.5.Istruzione e attività lavorativa 3. L'esperienza della paura degli altri: psico(pato)logia dell'ansia sociale 4. Eziopatogenesi e sviluppo dell'ansia sociale patologica: verso un modello integrato 4.1.Predisposizione all'ansia sociale: una prospettiva etologica 4.2.Teorie psicoanalitiche 4.3.Teorie comportamentali 4.4.Teorie cognitive 4.5.Modelli di acquisizione dell'ansia sociale patologica 4.5.1. Fattori che influenzano lo sviluppo della Fs nel bambino e nell'adolescente / 4.5.2. Il ruolo della familiarità / 4.5.3. L'ambiente familiare e il rapporto genitori-figli / 4.5.4. Il ruolo dei coetanei 4.6.Considerazioni conclusive: alla ricerca di modelli integrati 5. Le basi neurobiologiche dell'ansia sociale 5.1.Studi di challenge 5.2.Studi psiconeuroendocrinologici 5.3.Sistema noradrenergico 5.4.Sistema Gabaergico 5.5.Sistema dopaminergico 5.6.Sistema serotoninergico 5.7.Fisiologia del sonno 5.8.Diagnostica per immagini 6. Sottotipi sintomatologici dell'ansia e della Fs: aspetti clinici e di decorso 6.1.Sottotipi sintomatologici 6.2.Decorso 7. I confini dell'ansia sociale patologica: diagnosi e diagnosi differenziale 7.1.Diagnosi differenziale 7.1.1. Depressione / 7.1.2. Disturbo da panico-agorafobia / 7.1.3. Disturbo da ansia generalizzata (Gad) / 7.1.4. Disturbo ossessivo-compulsivo (Doc) / 7.1.5. Disturbo da dismorfismo corporeo (dismorfofobia) / 7.1.6. Disturbi della condotta alimentare / 7.1.7. Disturbo schizotipico e paranoide di personalità, disturbi deliranti / 7.1.8. Disturbo di evitamento di personalità (Dep) / 7.1.9. Condizioni mediche concomitanti 8. Timidezza, temperamento inibito e disturbo di evitamento di personalità 8.1.Ansia e inibizioni sociali come dimensione della personalità 8.2.Disturbo di evitamento di personalità 8.2.1. Caratteristiche cliniche / 8.2.2. Modalità di comportamento e relazioni interpersonali / 8.2.3. Caratteristiche psicologiche / 8.2.4. Disturbo di evitamento nell'infanzia e nell'adolescenza 8.3.Comorbidità tra Fs e disturbo di evitamento di personalità 8.4.Il disturbo di evitamento di personalità nei pazienti con Fs e con altri disturbi d'ansia e dell'umore 8.5.Rapporti tra ansia sociale patologica e timidezza: il temperamento timido-inibito 8.6.Considerazioni conclusive 9. Rapporti tra fobia sociale e altri disturbi mentali: la comorbidità 9.1.Concetti generali 9.2.Comorbidità fra disturbi d'ansia e disturbi dell'umore 9.3.Comorbidità tra Fs e altri disturbi d'ansia e disturbi dell'umore 9.4.Comorbidità fra Fs e disturbi psicotici 10. Il lubrificante sociale: ansia sociale e uso di alcool 11. Ansia e fobia sociale nel bambino e nell'adolescente 11.1.Epidemiologia 11.2.Fattori che influenzano lo sviluppo della timidezza nel bambino e nell'adolescente 11.3.Quadro clinico 11.4.Diagnosi 11.5.Diagnosi differenziale 11.6.Complicanze 11.7.Decorso 12. Gli strumenti di valutazione dell'ansia sociale: interviste diagnostiche, questionari e scale sintomatologiche 12.1.Interviste diagnostiche 12.1.1. Schedule for Affective Disorders and Schizofrenia (Sads) / 12.1.2. Structured Clinical Interview for Dsm (Scid) / 12.1.3. Anxiety Disorders Interview Schedule (Adis) / 12.1.4. Diagnostic Interview Schedule (Dis) / 12.1.5. Composite International Diagnostic Interview (Cidi) / 12.1.6. Mini International Neuropsychiatric Interview (Mini) 12.2.Questionari di autovalutazione 12.2.1. Social Interaction Anxiety Scale (Sias) e Social Phobia Scale (Sps) / 12.2.2. Social Phobic Anxiety Inventory (Spai) / 12.2.3. Social Phobia Subscale of the Fears Questionnaire (Fq-Social) 12.3.Scale di eterovalutazione 12.3.1. Liebowitz's Social Anxiety Scale (Lsas) / 12.3.2. Liebowitz Social Phobic Disorders Rating Form (Lspdrf) Severity of Illness and Change Measures / 12.3.3. Brief Social Phobia Scale (Bsps) 12.4.Valutazione cognitivo-comportamentale 12.4.1. Fear of Negative Evaluation Scale (Fne) / 12.4.2. Social Interaction Self-Statement Test (Sisst) / 12.4.3. Elenco dei pensieri / 12.4.4. Valutazione del comportamento 13. Terapia farmacologica nell'adulto e nel bambino 13.1.Evidenze storiche sull'efficacia del trattamento psicofarmacologico dell'ansia sociale 13.2.Inibitori irreversibili e reversibili delle mono-amino-ossidasi (Imao e Rima) 13.3.Inibitori del re-uptake della serotonina (Ssri) 13.3.1. Paroxetina / 13.3.2. Fluoxetina / 13.3.3. Fluvoxamina / 13.3.4. Sertralina / 13.3.5. Citalopram / 13.3.6. Benzodiazepine / 13.3.7. b-bloccanti / 13.3.8. Venlafaxina / 13.3.9. Altri farmaci 13.4.Condotta terapeutica 13.5.Terapia farmacologia dell'ansia e della Fs nell'infanzia e nell'adolescenza 14. Terapie cognitive e comportamentali nell'adulto e nel bambino 14.1.Il modello cognitivo-comportamentale 14.2.Tecniche cognitivo-comportamentali 14.3.Metodologie di trattamento 14.3.1. Desensibilizzazione sistematica / 14.3.2. Esposizione in immaginazione / 14.3.3. Esposizione in vivo / 14.3.4. Social skills training / 14.3.5. Tecniche di rilassamento / 14.3.6. Social Effectiveness Therapy (Set) / 14.3.7. Ristrutturazione cognitiva (Rc) / 14.3.8. Cognitive-Behavioral Group Treatment / 14.3.9. Efficacia relativa e assoluta dei trattamenti cognitivi e comportamentali / 14.3.10. Confronto fra differenti tecniche cognitivo-comportamentali / 14.3.11. Confronto con i trattamenti farmacologici / 14.3.12. Predittori di risposta 14.4.Terapia comportamentale della Fs nell'infanzia e nell'adolescenza 14.4.1. Tecniche di esposizione / 14.4.2. Social skills training (Sst) / 14.4.3. Social Effectiveness Therapy per i bambini (Set-C) / 14.4.4. Ristrutturazione cognitiva (Rc) / 14.4.5. Tecniche di rilassamento / 14.4.6. Efficacia della terapia cognitivo-comportamentale della Fs nell'infanzia e nell'adolescenza / 14.4.7. Trattamento cognitivo-comportamentale del mutismo (s)elettivo Conclusioni e prospettive future Appendice. Scale di valutazione sintomatologia per l'ansia e la fobia sociale Bibliografia