Carocci editore - Apprendere nelle organizzazioni

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Apprendere nelle organizzazioni

Duccio Demetrio, Donata Fabbri

Apprendere nelle organizzazioni

Proposte per la crescita cognitiva in età adulta

Edizione: 1994

Ristampa: 4^, 2001

Collana: Università

ISBN: 9788843017812

  • Pagine: 272
  • Prezzo:27,50 23,38
  • Acquista

In breve

Il corso della vita adulta è costellato da incontri con le organizzazioni. Ruoli professionali e competenze maturano all'interno di luoghi che, per produrre beni o fornire servizi, hanno bisogno di investire risorse in attività di apprendimento. La prima parte del libro, scritta da Duccio Demetrio, si sofferma in particolare sul concetto di Sé multiplo, inteso come capacità di vivere più ruoli, in funzione dello sviluppo del proprio potenziale creativo. Nella seconda parte, Donata Fabbri studia le modalità secondo cui si può 'insegnare a pensare' sia al singolo adulto che alle stesse organizzazioni. La terza parte, di Silvia Gherardi, analizza le procedure decisionali, importanti non solo per le scelte organizzative, ma per tutte le strategie cognitive volte al cambiamento. L'ultima parte, infine, rappresenta un contributo di ricerca e un invito a predisporre entro le organizzazioni momenti di apprendimento e di didattica della mente, paralleli o preliminari alle più diverse esigenze formative.

Indice

Introduzione di Duccio Demetrio 1. Immagini della formazione nelle organizzazioni 2. Investire in intelligenza: qualche consiglio Parte prima. Diventare adulti nelle organizzazioni di Duccio Demetrio 1. Dal preambolo mitico alla scienza dell'adultità plurima 1.1. Il volto cognitivo del sé plurimo 1.2. Crescita e cambiamento organizzatori di adultità 1.3. L'organizzazione come 'campo d'azione' della struttura vitale 1.4. L'apprendimento riconoscitivo: la metacognizione di sé 2. Molteplicità egoiche e pluriappartenenze 2.1. Nuove responsabilità 2.2. La responsabilità distribuita 2.3. I teorici del multiple self teatrale 2.4. Le manifestazioni dell'io multiplo 2.5. Rappresentazioni del sé attraverso gli attori eroici emergenti 3. Mondi della vita, mondi della formazione, mondi della cognizione 3.1. Mondi intenzionali 3.2. Il mondo della vita 3.3. Il mondo della formazione 3.4. Il mondo della cognizione 3.5. Il prendere forma dell'io cognitivo: la ricerca delle connessioni 3.6. Il momento cognitivo dell''enazione' 3.7. Suture estetiche 4. Le carriere cognitive: occasioni mancate 5. Dalla pluralità degli io alla pluralità interna alle organizzazioni 5.1. Connessioni tra individuale e organizzativo 5.2. La 'svolta narrativa' 6. Dalla formazione organizzata alla formazione organizzativa: lo sviluppo del potenziale cognitivo 7. L'organizzazione come mente e spazio di educabilità cognitiva 7.1. Cervello e mente delle organizzazioni 7.2. Le organizzazioni hanno una storia cognitiva 7.3. Ologrammi in apprendimento 7.4. Proposte di ricerca cognitiva 7.5. La produzione di pensiero in mappe e stili 8. Educabilità cognitiva in età adulta e problemi per la formazione nelle organizzazioni 8.1. Difficoltà diagnostiche 8.2. Progettualità cognitive 8.3. Il concetto di educabilità cognitiva 8.4. La condizione adulta tra standardizzazioni e cambiamenti organizzativi 8.5. Il corso della vita adulta nell'organizzazione 8.6. L'organizzazione teatro di compiti di adultizzazione: stabilizzazioni e cambiamenti 8.7. Differenze tra periodi dell'adultità e implicazioni formative 8.8. Un cenno ai metodi di educabilità cognitiva 8.8.1. I metodi stimolatori delle dominanze encefaliche – 8.8.2. La PNL – 8.8.3. Il metodo De Bono dei 'sei capelli' – 8.8.4. I laboratori di ragionamento logico – 8.8.5. I programmi di arricchimento strumentale – 8.8.6. Le tecniche di analisi grafica 8.9. Pluralità dei processi cognitivi e pluralità delle stimolazioni formative 8.10. La formazione organizzativa è auto-organizzazione dei processi cognitivi Parte seconda. Imparare a pensare nelle organizzazioni di Donata Fabbri 9. Un utile paradosso 10. Le trame del pensare 11. Imparare a pensare 12. Il pensare dell'organizzazione 13. Due pensieri a confronto 13.1. La classificazione, la logica e il pensiero organizzativo 13.2. Segni cognitivi e organizzazione 14. Imparare a pensare nelle organizzazioni Parte terza. Imparare a decidere di Silvia Gherardi 15. La grande utopia 16. La metafora dell'apprendimento organizzativo 17. L'irrompere dell'ambiguità 18. Decisione come metacognizione 19. Le competenze decisionali Parte quarta. Proposte di educabilità cognitiva 20. Le biografie cognitive: laboratori di apprendimento nelle organizzazioni di Duccio Demetrio, con la collaborazione di P. Reggio, E. Righetti, L. Zannini 20.1. Il metodo biografico risorsa per la formazione 20.2. I laboratori autobiografici: tesi didattiche 20.3. Progetti formativi di educabilità cognitiva autobiografica 20.4. L'educabilità cognitiva e la didattica autobiografica 20.5. L'introduzione di laboratori nell'organizzazione 20.6. Condurre ricerche con il metodo autobiografico 20.6.1. I colloqui cognitivi e le osservazioni situazionali – 20.6.2. L'autoidentificazione del lavoro mentale 21. I laboratori di epistemologia operativa di Donata Fabbri e Alberto Munari 21.1. Una strategia di intervento formativo 21.2. Il quadro teorico 21.3. Le origini 21.4. I principi operativi 21.5. Le finalità Bibliografia.