Carocci editore - Fondamenti di composizione architettonica

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Fondamenti di composizione architettonica

Paolo Angeletti, Valter Bordini, Antonino Terranova

Fondamenti di composizione architettonica

Edizione: 1987

Ristampa: 2^, 1992

Collana: Studi Superiori

ISBN: 9788843005826

  • Pagine: 284
  • Prezzo:33,40 28,39
  • Acquista

In breve

Questo libro, lontano dal voler suggerire un apparato teorico dogmatico, intende invece esprimere l'idea che l'architetto lavori riferendosi da un lato ad alcuni 'fondamenti' teorico-antropologici della disciplina, dall'altro ad alcune tecniche 'fondamentali' del buon progetto di composizione architettonica. Queste pagine dedicano, insomma, un'attenzione particolare ai principi filosofici del progetto, alle radici concettuali che la composizione architettonica deve trovare nella costruzione dell'insediamento e nella formazione dello spazio urbano. Un volume così concepito intende rivolgersi in maniera privilegiata all'ambito universitario, ma non rinuncia a proporsi anche al pubblico assai numeroso degli appassionati di architettura e storia dell'arte.

Indice

Prefazione di Ludovico Quadroni Parte prima. Intorno ad una linea di architettura 1.Avvertenze in forma di premessa 1.1.Progettazione come composizione, architettura come tecnica che si fa arte 1.2.Qualità perspicua e qualità diffusa 1.3.Architettura come sapere umanistico: le citazioni come illustrazioni e suggerimenti di lettura 1.4.Il linguaggio classico dell'architettura come codice trasformazionale 2.'Guarda come sono fatta bene!' 2.1.Autoriflessività e ambiguità dell'opera architettonica 2.2.Visuale estetica e visuale antropologico-culturale 2.3.Delineazione di mondi possibili ed uso di un segno rammemorante 2.4.L'architettura tra spazio reale e spazio virtuale 2.5.Conoscere le tecniche 'fondamentali' 2.6.L'opera rimanda ad altro' Come' A che cosa' 2.7.Molti modi diversi di 'essere fatta bene' 2.8.Un modus architettonico di essere fatta bene' 3.'Costruire per (poeticamente) abitare' 3.1.Contro la crisi ambientale, imparare ad abitare 3.2.Banalizzazione tecnico-metodologica dell''architetto laureato' 3.3.Tecnicità piena di un'arte di costruire con civiltà, e ruolo della composizione architettonica 3.4.L'architettura come gioco linguistico, l'impossibile dimora come mito di perfezione 3.5.Coscienzialità e metodicità del pensiero progettuale, attraversamento dei sistemi di regolarità e di antinomie teoriche 3.6.Primi requisiti per il buon progetto di composizione architettonica 3.7.La necessità di costruirsi uno stile, ovvero una propria autentica teoria dell'architettura 3.8.Stile come qualità individuale e come diffusione sociale della qualità 3.9.Necessità ma soggettività della teoria della composizione architettonica 3.10.La composizione architettonica tra la scelta formale del disegno e la infinita risistemazione della storia dell'architettura 4.Alcune definizioni come coordinate comprensive 4.1.Architettura senza architetti e architettura per architetti 4.2.Intensività artistico-stilistica ed estensività empirico-ambientale 4.3.Il costruire per abitare e il sistema delle belle arti 4.4.Arte impura e Gioco sapiente di volumi sotto la luce 4.5.Architettura come società di stanze e architettura come fatto urbano 4.6.Costruzione logica dell'architettura e peculiarità del genius loci 5.Costruire per abitare: edificio ed insediamento 5.1.Architettura come costruzione di luogo 5.2.Dalla natura all'architettura 5.3.La mimesi come imitazione e trasposizione 5.4.Alle radici dell'architettura: la configurazione del luogo come contesto e come prodotto 5.5.Gli archetipi dell'abitare: la differenza, la stabilità, la trasformazione 5.6.Architettura come 'forma dell'insediamento' 5.7.Naturalità e artificialità, regolarità e particolarità, invenzione e convenzione 5.8.L'inerenza all'insediamento come categoria disciplinare 5.9.Istanze interne ed istanze contestuali, dialettica tra due modelli 5.10.Il saper leggere la città e l'individuazione del luogo come atto sintetico 6.Costruire per abitare: la stanza e il corpo dell'uomo 6.1.Funzionalità ed esteticità, corpo e psiche, gli estremi di una polarizzazione ambigua 6.2.Conoscenza sensibile e idea dell'architettura 6.3. La 'sfera etnica' come luogo dell'incontro tra lo spazio e l'uomo abitante 6.4.Le forme dell'abitare come produzione dell'immaginario 6.5.Dalla sfera etnica alla società di stanze, ancora sulla questione della mimesi 6.6.Un modus architettonico di sentire l'architettura' 6.7.L''immagine esterna del nostro paesaggio interiore' 6.8.La società di stanze come struttura nella luce 6.9.L''idea di palazzo' ovvero dare il nome alle cose Parte seconda. La composizione architettonica 7.La composizione come sintesi di contrasti: la ricerca di coerenza interna all'opera 7.1.La logica del costruire, la logica del comporre e la volontà espressiva 7.2.Opportunità di continuare ad usare, aggiornandola, la triade vitruviana 7.3.Il progetto architettonico. I contenuti e la scrittura del progetto 7.4.Il progetto come processo e la ricerca di coerenza interna all'opera 7.5.L'uso della contraddizione controllata 7.6.Analisi del processo progettuale 7.7.I tre mondi: delle tecniche costruttive, dell'uso e della ricerca figurativa 7.8.Un'opera: considerazioni 8.La composizione come sintesi di contrasti: la ricerca di coerenza dell'opera con l'esterno 8.1.Edificio-città 8.2.L'unità urbana minima come luogo riconoscibile 8.3.Idea di città e caratteri del sito. Tipo edilizio e spazi urbani 8.4.Idea di città che prescinde dal luogo. Luoghi senza idea di città Parte terza. Il linguaggio dell'architettura 9.Il processo di definizione formale di una unità architettonica semplice, ovvero la costruzione del progetto di una piccola casa 9.1.Premessa 9.2.Evidenza e necessità del tipo edilizio Tipo edilizio e forma della città / Tipo edilizio e analisi urbana 9.3.Decisione e verità della forma Il processo di definizione formale dell'architettura / Architettura classica e architettura della ragione 9.4.Natura e città: l'idea del luogo Luogo, architettura, memoria / L'idea di luogo nella letteratura / Due esempi romani 9.5.La costruzione del volume La triade luogo-tipo-forma / L'idea di volume / La geometria 9.6.L'unità pianta-sezione La struttura compositiva del progetto / I modi della pianta / La Rotonda e Ville Savoie / Coincidenza tra pianta e sezione 9.7.La simmetria Il principio dell'ordine / La simmetria nell'architettura moderna 9.8.L'insieme e le parti Il principio della proporzione / I materiali a disposizione dell'architetto 9.9.Il rapporto tra i pieni e i vuoti Parete e bucature / Volumi positivi e volumi negativi / Un'avvertenza 9.10.La facciata e l'angolo Il disegno della facciata e la città / I modi della facciata / Il motivo dell'angolo / Il tema della citazione 9.11.L'attacco a terra e il coronamento Basamento e coronamento / Il rapporto con il suolo / Il sistema di chiusura 9.12.Gli elementi architettonici di base Il muro / Il pilastro / Porte e finestre 9.13.I partiti architettonici di base Il portico / La loggia / Il pergolato 9.14.La ripetizione e il concetto di serie Unità compositive che ritornano / Alcuni esempi 9.15.Rapporto tra segni e dispositivi tecnici adatti a realizzarli