Carocci editore - Gli uomini sulla terra

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Gli uomini sulla terra

Pierre George

Gli uomini sulla terra

La geografia del Duemila

Edizione: 1991

Ristampa: 3^, 1994

Collana: Studi Superiori

ISBN: 9788843002641

  • Pagine: 160
  • Prezzo:20,90 17,77
  • Acquista

In breve

L'umanità del Duemila sarà un'umanità urbanizzata, scossa da sommovimenti e conflitti ove si scontreranno culture e interessi. Questa umanità dovrà assumersi le proprie responsabilità verso l'habitat in cui vive, habitat che, per i sei miliardi di uomini del 2005 e per i dieci miliardi del 2025, sarà soltanto un piccolo pianeta molto fragile nell'universo stellare. In un contesto simile, oggetto della geografia fisica continueranno sì a essere le leggi di natura, sempre imperative seppure spesso sovrastate dagli artifizi della tecnica, ma soprattutto saranno i problemi dello sviluppo ineguale e dei valori che a quell'habitat sono legati. Un tempo, insomma, lo scopo della geografia era quello di scoprire e di descrivere il mondo; oggi e domani si tratterà di farlo comprendere e di aiutare l'umanità a vivere tra conflitti e contraddizioni.

Indice

Introduzione. Unità ed eterogeneità della geografia. Dualità o unità 1. Una popolazione in crescita disuguale. Mezzo miliardo di uomini in più ogni sei anni 2. Diversità della geografia fisica e dell'eredità storica. Un patrimonio vario ma relativamente stabile 2.1. I fattori naturali Il caldo e il freddo. L'umido e il secco. La geografia dei climi/Pianure e montagne. Sottosuolo e suolo/Le "utilità" della geografia fisica 2.2. I fattori etnico-culturali 3. Lo sviluppo ineguale. Un'ostentazione della ricchezza, differenze sempre più profonde 3.1. Il sogno imperiale 3.2. La grande svolta della metà del XX secolo 3.3. Una redistribuzione geografica dei ruoli principali 3.4. Una redistribuzione degli spazi regionali. Una nuova geografia regionale 4. I luoghi e i movimenti. Urbanizzazione universale e accresciuta mobilità 4.1. Le forme di habitat Le vicissitudini dell'habitat rurale/L'avventura urbana 4.2. Migrazioni e mobilità funzionale La geografia delle migrazioni/Mobilità funzionale, comunicazioni, trasporti 5. Una geografia dell'ambiente. Responsabilità della geografia 5.1. Distribuzione ineguale e limiti delle risorse di base 5.2. La fragilità degli equilibri biologici 5.3. Gli inquinamenti 6. L'espressione geografica. Validità tuttora permanente della rappresentazione cartografica. Le possibili insidie dell'informatica e della televisione 6.1. La cartografia "linguaggio dei geografi" 6.2. Dal racconto di viaggio alla geografia didattica 6.3. Dalla raccolta di dati alla misura 6.4. Dall'immagine tracciata all'immagine ricevuta. Conclusioni.