Carocci editore - Il prezzo della salvezza

Password dimenticata?

Registrazione

Il prezzo della salvezza

Giacomo Todeschini

Il prezzo della salvezza

Lessici medievali del pensiero economico

Edizione: 1994

Collana: Studi Superiori

ISBN: 9788843001750

In breve

La ricerca storica delle radici medievali del pensiero economico moderno è spesso incorsa in alcuni vizi di forma che ne hanno in vario modo falsato l'oggetto stesso d'indagine. Sulla base dell'assunto teorico che postulava la sostanziale estraneità dell'agire economico al sistema dei valori cristiani, infatti, si è a lungo decretato un indiscusso primato dell'etica sull'economia confinando la discussione entro i limiti di un sofferto quanto controverso rapporto tra teoria e prassi. Partendo dalla constatazione che l'assenza di una formulazione compiuta del pensiero economico medievale non significa necessariamente l'assenza di una vita economica medievale complessa e strutturata, il testo riaffronta il problema delle fonti latine – che testimoniano dei modi di percepire e verbalizzare i comportamenti economici – alla luce di una riconosciuta specificità storica che investe in pieno la scelta dei criteri e delle modalità d'indagine. Vengono così passate in rassegna, secondo un criterio tipologico, le differenti testualità etiche, teologiche, penitenziali, giuridiche e legislative che tra il III e il XV secolo abbiano affrontato in modo diretto o indiretto i temi del pensare e dell'agire economici in una prospettiva di ricerca volutamente anti-teorica. La forte connessione che emerge fra linguaggi religiosi e linguaggi economici, fra definizione degli spazi sociali sacri e descrizione delle pratiche economiche lecite o illecite, offre un'importante chiave interpretativa tanto per la ricerca delle radici del modo occidentale di pensare l'economia, quanto per la comprensione dei rapporti tra Ebrei e Cristiani agli albori dell'età moderna.

Indice

Parte prima. Introduzione 1. Il pensiero economico medievale come oggetto storico 2. Pensiero economico e crematistica medievale 3. Le fonti per la storia del pensiero economico medievale: tipologie ed equivoci storiografici. Parte seconda. Storiografia 4. Gli storici ottocenteschi del pensiero economico medievale: l'invenzione del tema 5. Gli storici del primo Novecento: pensiero economico medievale e dottrine sociali cristiane 6. Dagli anni Trenta agli anni Cinquanta: il pensiero economico medievale come razionalizzazione cristiana dell'economia 7. Dagli anni Sessanta a oggi: l'analisi economica degli Scolastici come premessa del pensiero economico moderno 8. Questioni aperte: il pensiero economico altomedievale e le concezioni economiche ebraiche nella recente storiografia. Parte terza. Fonti 9. Premessa 10. Fonti tardoantiche e altomedievali del pensiero economico medievale: i linguaggi etico-economici fra Oriente e Occidente (III-V secolo) 11. La costruzione di un linguaggio etico-economico: valore, prezzo e utilità fra penitenza e amministrazione (VI-X secolo) 12. Dalla 'riforma della Chiesa' alla 'rivoluzione commerciale': il pensiero economico come riflessione sulla commerciabilità delle cose (XI-XIII secolo) 13. Valore e utilità del denaro: l'analisi economica nel XIII secolo fra lessici della povertà e definizioni dell'usura 14. Le dialettiche dello scambio e del credito come forme della societas christiana occidentale (XIV-XV secolo). Una conclusione. Bibliografia. Indice dei nomi.