Carocci editore - Leale consigliere

Password dimenticata?

Registrazione

Leale consigliere

Dom Duarte

Leale consigliere

a cura di: Roberto Mulinacci

Edizione: 2023

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788829017553

  • Pagine: 472
  • Prezzo:44,00 41,80
  • Acquista

In breve

Il volume costituisce la prima traduzione in assoluto (sia pure non integrale) di una delle opere più importanti della letteratura medievale portoghese, il Leale consigliere, del re-filosofo Dom Duarte (1391- 1438). Scritto negli ultimi mesi di vita dell’autore, questo trattato di «morale e virtuosa scienza», idealmente destinato a fornire alla corte un modello di condotta cristiana, è rimasto, purtroppo, inedito fino al 1843. Ma, più che come manuale di filosofia pratica, incentrato su una interessante rilettura del sistema dei vizi e delle virtù, il Leale consigliere deve la sua fama postuma soprattutto ad alcuni capitoli, come quello che analizza per la prima volta il concetto di saudade o quelli in cui, quasi duecento anni prima di The Anatomy of Melancholy di Robert Burton, prende corpo un’anatomia della malinconia basata interamente sull’esperienza personale del sovrano, vittima di questo male oscuro.

Indice

Introduzione
1. Pars destruens. Dom Duarte: dall’uomo senza volontà al re triste
2. Pars construens. Leale consigliere o della prudenza: un modernissimo trattato d’altri tempi
1. Questa antologia
L’edizione/La selezione/La traduzione/Parole finali
[Prymeyramente se segue o prollego]
[Dapprima segue il prologo]
Capitollo primeiro. Das partes do nosso entendimento
Capitolo I. Delle parti del nostro intendimento
Capitollo segundo. Do entender e memoria
Capitolo II. Dell’intelletto e della memoria
Capitullo terceiro. Da declaraçom das voontades
Capitolo III. Dell’esposizione delle volontà
Capitollo X. Da declaraçom breve dos pecados, e primeiro da soberva
Capitolo X. Breve esposizione dei peccati, e per primo di quello della superbia
Capitullo XI. Do dicto consselho
Capitolo XI. Del suddetto consiglio
Capitullo XII. Da vãa gloria
Capitolo XII. Della vanagloria
Capitullo XIII. Do caso em que presta a vãa gloria
Capitolo XIII. Dei casi in cui serve la vanagloria
Capitullo XIIII. Que falla da dicta vãa gloria
Capitolo XIIII. Che parla della suddetta vanagloria
Capitullo XV. Da enveja
Capitolo XV. Dell’invidia
Capitullo XVI. Da sanha
Capitolo XVI. Della collera
Capitullo XVII. Do hodyo
Capitolo XVII. Dell’odio
Capitullo XVIII. Da tristeza
Capitolo XVIII. Della tristezza
Capitullo XIX. Da maneira que fui doente do humor menencorico, e del guareci
Capitolo XIX. Del modo in cui mi ammalai di umore melancolico e ne guarii
Capitullo XX. Dos aazos per que se acrecenta o ssentido do humor menencorico, e dos remedios contra elles
Capitolo XX. Delle cause per cui aumenta il sentimento dell’umore melancolico e dei rimedi contro di esse Capitullo XXI. Da tristeza que sobre pecados ou virtudes tem nacymento
Capitolo XXI. Della tristezza che ha origine da peccati o virtù
Capitullo XXII. Da mais forte maneira da tristeza
Capitolo XVIII. Del più forte tipo di tristezza
Capitullo XVIIII. Das partes do enfadamento
Capitolo XVIIII. Delle parti del tedio
Capitullo XVIIIII. Do consselho que sobr’ esto dey ao Iffante dom Pedro
Capitolo XXIV Del consiglio che su questo detti all’Infante Dom Pedro
Capitullo XXV. Do nojo, pesar, desprazer, avorrecimento e suydade
Capitolo XXV. Dell’afflizione, amarezza, dispiacere, fastidio e saudade
Capitullo XXVI. Do pecado da occiosidade
Capitolo XXVI. Del peccato dell’oziosità
Capitullo XXVII. Da quynta e sexta deferenças per que caymos em occiosidade
Capitolo XXVII. Della quinta e sesta specie di cause per cui cadiamo nell’oziosità
Capitullo XXVIII. Do pecado da avareza
Capitolo XXVIII. Del peccato dell’avarizia
Capitullo XXX. Do pecado da luxuria
Capitolo XXX. Del peccato della lussuria
Capitullo XXXI. Da questom que fazem por que alg?us na velhice cãae em luxuria, de que na mancebia forom guardados
Capitolo XXXI. Sulla questione del perché alcuni in vecchiaia cadono nella lussuria, da cui furono preservati in gioventù
Capitullo XXXII. Do pecado da gulla
Capitolo XXXII. Del peccato della gola
Capitullo XXXIII . Da ffe
Capitolo XXXIII. Della fede
Capitullo XXXVIII. Da sperança
Capitolo XXXVIII. Della speranza
Capitullo XXXIX. Em que se mostram as partes per que se da e muda nossa condiçom
Capitolo XXXIX. In cui si mostrano le circostanze per le quali si dà e si muta la nostra condizione
Capitullo RIII. Da caridade
Capitolo RIII. Della carità
Capitullo RIIII. Das maneiras d’amar
Capitolo RIIII. Dei modi d’amare
Capitullo RV. Da maneira como se devem amar os casados
Capitolo RV. Del modo in cui si devono amare gli sposi
Capitullo RVI. Da maneira que se deve teer pera as boas molheres recearem mylhor seus maridos
Capitolo RVI. Del modo in cui ci si deve comportare affinché le buone mogli temano meglio i propri mariti
Capitullo RVIII. Por que os amores fazem mais sentimento no coraçom que outra benquerença
Capitolo RVIII. Perché gli amori provocano più sentimento nel cuore di ogni altra benevolenza
Capitullo l. Em geeral da prudencia, justiça, temperança, fortelleza, e as condiçõoes que perteecem a boo consselheiro
Capitolo l. Della prudenza, giustizia, temperanza, fortezza in generale e delle condizioni che riguardano il buon consigliere
Capitullo LI. Da virtude da prudencia em special
Capitolo LI. Della virtù della prudenza in particolare
Capitullo LIII. Doutros speciaaes avisamentos sobre a prudencia
Capitolo LIII. Di altri speciali avvertimenti sulla prudenza
Capitullo LIIII. Das razõoes por que me parece bem fugir aa pestellença
Capitolo LIIII. Delle ragioni per le quali mi pare bene fuggire dalla pestilenza
Capitullo LX. Das virtudes que se requerem a h?u boo julgador
Capitolo LX. Delle virtù che si richiedono a un buon giudicatore
Capitullo LXIII. Do contentamento
Capitolo LXIII. Del contentarsi
Capitullo LXXXI. Das casas do nosso coraçom, e como lhe devem seer apropriadas certas f?is
Capitolo LXXXI. Delle stanze del nostro cuore, e di come ad esse debbano essere appropriati certi fini Capitullo LRV. Das duas barcas, convem a ssaber, da sãa e da rrota
Capitolo LRV Delle due barche, cioè della sana e della rotta
Capitullo LRVIII. Da pratyca que tiinhamos com el rey, meu senhor e padre, cuja alma deos aja
Capitolo LRVIII. Della pratica che avevamo con il Re, mio Signore e Padre, la cui anima Dio abbia in gloria Capitullo LRIX. Da maneira pera bem tornar alg?a leitura em nossa lynguagem
Capitolo LRIX. Del modo di trasporre in volgare un testo
Capitullo C. Do regimento do estamago
Capitolo C. Del governo dello stomaco
Capitullo CIII. Da guarda da lealdade, em que faz fym todo este trautado
Capitolo CIII. Del rispetto della lealtà, con cui ha fine tutto questo trattato
Bibliografia