Carocci editore - Una provincia tutta da inventare

Password dimenticata?

Registrazione

Una provincia tutta da inventare

Magda Martini

Una provincia tutta da inventare

L'annessione dell'Alto Adige all'Italia (1918-1922)

Edizione: 2022

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788829017133

  • Pagine: 268
  • Prezzo:29,00 27,55
  • Acquista

In breve

Durante la Conferenza di pace di Parigi, seguita alla Prima guerra mondiale, la delegazione italiana riuscì a ottenere, a dispetto del principio di autodeterminazione, che insieme al Trentino le venisse assegnata anche tutta la regione sudtirolese. Ma cosa indusse il Regno d’Italia, che si era costituito sulla base del mito fondante dell’unità nazionale, a desiderare una terra abitata prevalentemente da tedeschi? Per spiegare come l’Italia abbia programmato e giustificato l’annessione, il volume propone una dettagliata analisi della prospettiva italiana, mettendo in luce aspettative e iniziative che il mondo diplomatico, politico e culturale rivolsero al Sudtirolo nel primo dopoguerra. Fonti pubbliche e private descrivono con quale stato d’animo alla fine della Grande Guerra l’Italia abbia scoperto il Sudtirolo. I discorsi e i commenti sulla nuova terra, sulla sua popolazione e sulla sua cultura testimoniano come l’acquisizione della regione abbia contribuito alla definizione dell’identità nazionale italiana. Ma soprattutto i dibattiti e le pubblicazioni dei contemporanei raccontano come l’Alto Adige, che fino all’inizio del Novecento era l’“invenzione” di un solo uomo, dopo il primo conflitto mondiale sia potuto diventare una nuova provincia del Regno d’Italia.

Indice

Prefazione
Introduzione
1. L’invenzione dell’Alto Adige italiano: opera di un solo uomo?
2. Alcune considerazioni di carattere metodologico
1. La diplomazia e il destino del Sudtirolo 
L’Italia e le prime rivendicazioni per l’Alto Adige/L’armistizio di Villa Giusti e i preparativi per la Conferenza di pace/La delegazione italiana alla Conferenza di Parigi/Wilson, il principio di autodeterminazione e il confine settentrionale d’Italia/Il Brennero, all’ombra della questione adriatica/ La questione sudtirolese nei rapporti internazionali/Il Sudtirolo e le relazioni tra Austria e Italia/Un bilancio della diplomazia per l’Alto Adige
2. La politica dell’Italia liberale e l’Alto Adige
Il Parlamento italiano e la rivendicazione dell’Alto Adige/Le reazioni al Trattato di Saint Germain/La politica italiana in Alto Adige/«Penetrazione pacifica» o «volontà di ferro e mano di velluto»?/I sudtirolesi tra adattamento, irredentismo e dissenso/Continuità e cambiamento dall’occupazione militare all’amministrazione civile/L’attivismo degli italiani: l’esempio dell’Athesinum/«Ubi terram, ibi patriam»: la politica degli acquisti/La politica per il turismo: il «movimento dei forestieri», l’alpinismo e i rifugi/Provincia unica o autonomia?/Le celebrazioni per l’annessione e le insubordinazioni dei sindaci sudtirolesi/La politica scolastica/L’infiltrazione fascista/1918-1922: un quadriennio senza programma
3. L’Alto Adige e la cultura italiana: tra scienza, arte e propaganda 
Ettore Tolomei, onnipresente nel dibattito culturale/Giulio Sironi e il Tirolo unico e italiano/La geografia sulle barricate dell’irredentismo e del nazionalismo/La discussione sulla toponomastica/La passione del Tirolo: una controversia italiana/Cultura, istruzione e propaganda in Alto Adige/L’immagine italiana dell’Alto Adige/Il turismo, l’ambiente e la frutticoltura in Alto Adige: eccellenze da preservare
4. La stampa e l’annessione dell’Alto Adige
La stampa tra nazionalismo, politica delle nazionalità e socialismo/La stampa e l’antimperialismo: il salornismo e il caso Bissolati/Le trattative a Parigi e il Trattato di Saint Germain/Il Sudtirolo sulle pagine del “Corriere della Sera”/I sudtirolesi: nemici o concittadini?/Progetti politici: autonomia, provincia unica o provincia separata?/Le prime elezioni in Alto Adige e la domenica di sangue/Lacune e responsabilità della gestione italiana/Tentativi di appropriazione della nuova terra/L’avanzare dei fascisti: commenti alla via della violenza
Conclusione
Bibliografia