Carocci editore - I mostri di Shakespeare

Password dimenticata?

Registrazione

I mostri di Shakespeare

Michela Compagnoni

I mostri di Shakespeare

Figure del deforme e dell'informe

Edizione: 2022

Collana: Lingue e Letterature Carocci

ISBN: 9788829017034

  • Pagine: 172
  • Prezzo:19,00 18,05
  • Acquista

In breve

Nella cultura rinascimentale inglese si assiste a un processo di graduale secolarizzazione che libera il mostruoso dal dominio della religione e della superstizione. Da moniti divini i “mostri” si trasformano in oggetto di curiosità e, grazie alle esplorazioni geografiche, dai confini del mondo approdano nel cuore delle città europee, fino a diventare materia viva di quell’approccio medicalizzante che si affermerà nel Settecento. È questo il ricco campionario di cui la parola shakespeariana si nutre e a cui dà voce attraverso rielaborazioni metaforiche. I mostri di Shakespeare non sono dunque creature fantastiche bensì individui che sconvolgono, eventi che turbano o paradigmi che si rovesciano. Il volume indaga quelli presenti in Richard III, The Tempest, Macbeth, Othello e King Lear, cinque drammi che catalizzano le derive tragiche dei cambiamenti epistemologici del loro tempo per farne teatro della mostruosità. La mappatura dei discorsi aperti da queste opere intorno al concetto di mostro, ad oggi unica nella sua ampiezza, si muove lungo tre binari tematici: corpo, sguardo e linguaggio. A guidare l’analisi, l’inedita categoria del mostruoso deforme/informe, che fa emergere con particolare efficacia la capillarità e la complessità del mostruoso shakespeariano, ponendo l’enfasi sul suo dinamismo generativo, inteso come continua proliferazione di forme nuove ma mai fisse che – mutando – incrinano, sovvertono, rinnovano.

Indice

Avvertenza e abbreviazioni
Introduzione. Genealogie e forme del mostruoso
Il mostro nell’Inghilterra early modern
Il corpo incerto
Dissezioni e deformazioni dello sguardo
Le crepe nel linguaggio
Ringraziamenti
1. «Lump of flesh» e «mooncalf»: le deformazioni informi di Richard III e Caliban
Dal deforme all’informe: anatomia di due mostri/Ripensare la forma: la mola, traccia del materno/Richard III: nelle viscere del deforme/Caliban: la materia informe
2. «Take any shape but that»: i mostri dell’immaginario in Macbeth e Othello
Macbeth: troppo sangue per vedere/Othello: le distorsioni dello sguardo
3. Le «roaring voices» di Poor Tom: la performance linguistica del mostruoso in King Lear
King Lear e la tradizione dei Bedlam beggars/La creazione linguistica del mostro/Poor Tom: la nascita dell’informe/Le mille voci di Poor Tom
Conclusione. Il contrario della forma
Riferimenti bibliografici