Carocci editore - Geografia, modernità e mare

Password dimenticata?

Registrazione

Geografia, modernità e mare

Alessandra Bonazzi

Geografia, modernità e mare

Breve storia di uno spazio globale e delle sue carte

Edizione: 2022

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788829015320

  • Pagine: 152
  • Prezzo:18,00 17,10
  • Acquista

In breve

Il volume offre una breve storia del pensiero geografico moderno raccontata a partire dal mare. Questa storia – punteggiata di portolani, carte geografiche, esploratori, navigatori, imbarcazioni, rotte – comincia e finisce nel Mediterraneo perché, parafrasando Franco Cassano, lì si cela l’inizio della modernità e lì si rispecchia il problema etico e politico del futuro. In mezzo stanno invece le figure e le narrazioni che hanno costruito l’immaginario geografico globale di cui si nutre ancora il nostro presente.

Indice

Introduzione
1. Sulla soglia della modernità

Premessa: le carte del mare e il principio nascosto della modernità/Il concetto del mare (Mediterraneo) e la terraferma/L’anteprima che le carte nautiche dimostrano/Le linee della modernità
2. Le «figure del mare»: proiezione, circolazione, lossodromie, libertà
Premessa: la volta do mar e il “Porto ideale”/Breve “talassografia”: Utopia/La linea dall’altra parte della Terra e la speculazione cartografica/Nova et Aucta Orbis Terrae Descriptio ad usum navigantium emendate accomodata: la quadratura del cerchio e l’invenzione della libertà/Plus ultra. Il ritorno delle navi e dei mostri
3. La critica del piano oceanico
Premessa: il «piano di consistenza» della geografia /Australis parte prima: Botany Bay (1768-71)/Terra Australis parte seconda: Antartica (1772-75)/La Geografia fisica secondo Kant/K1 e l’«Uomo con l’orologio»
4. Il “capitale bianco” e la liquidità della terraferma
Premessa: il “più oltre” di Antartica/L’emisfero della balena/L’oltremare d’Europa/L’oltremare della geografia
5. L’anamorfosi del Mediterraneo
Conclusione/La «zona critica» del Mediterraneo
Bibliografia generale