Carocci editore - Brutte, sporche e cattive

Password dimenticata?

Registrazione

Brutte, sporche e cattive

Pietro Trifone

Brutte, sporche e cattive

Le parolacce della lingua italiana

Edizione: 2022

Ristampa: 1^, 2022

Collana: Sfere

ISBN: 9788829014460

  • Pagine: 132
  • Prezzo:13,00 12,35
  • Acquista

In breve

Le parolacce sono i palliativi verbali delle molteplici miserie e angosce che segnano l’umano arrancare. Con vivacità e ironia, il volume racconta la storia del colorito frasario volgare e mostra che il linguaggio basso e sprezzante, per la sua straordinaria potenza emotiva, esiste da sempre. Negli ultimi decenni, però, il turpiloquio ha infranto le barriere che ne regolavano la circolazione: non è più “una cosa da uomini” né una risorsa espressiva di uso marginale, ma è sconfinato dal privato al pubblico, nella fluviale comunicazione social e perfino nel dibattito politico. Ecco perché la nostra è stata definita «l’epoca d’oro dell’ingiuria».

Indice

Premessa. Come eravamo, come siamo
1. Modi ed esempi della violenza verbale

Le meglio vanno spesso coi peggio/I limiti del vocabolario/Lo zoccolo duro della volgarità linguistica /Antichità e diffusione delle parolacce/Vocabolario di base e turpiloquio obsoleto
2. Il sessismo del maschio primordiale
La prima parolaccia dell’italiano: puttana o putta?/Parolacce della lingua d’uso: mignotta e frocio/Misoginia e omofobia nelle parole di origine dialettale/Regresso della complessità e sviluppo del turpiloquio
3. Viaggio nell’inferno della lingua
Dante “padre della lingua italiana”/Una poesia che graffia e morde il reale/Lessico popolare e basso nella Commedia
4. La capitale italiana del turpiloquio
Il tristiloquium turpissimum di Roma/Parole e frasi. Il caso di «m. c.» e «s. c.»/Come si dice a Roma
5. L’irriverente sacralità del blasfemo
L’etimologia di bestemmia/Desacralizzazione e declino dei «moccoli»
6. La prevalenza del burino
Faziosità e creatività/Terroni, polentoni e compagnia bella/I burini, «orde di antropofagi»/Buzzurri, gente del Nord
7. Le parole volgari del GRADIT
Riferimenti bibliografici

Recensioni

Alessandra Coppola, la Lettura - Corriere della sera, 15-05-2022Paolo Di Stefano, Corriere della sera, 31-05-2022Massimo Lonigro, Pietro Sorace, RTL 102.5, 31-05-2022Luca Ceccarelli, Punto Zip, 01-06-2022Luigi Mascheroni, Il Giornale, 05-06-2022Marco Brando, Treccani, 08-06-2022Massimiliano Panarari, War Room COM, 10-06-2022Paola Zanuttini, il Venerdì, 10-06-2022Paolo Corticelli, Il Velo di Maya, 14-06-2022Maria Soave, Unomattina Estate, 21-06-2022Michele A. Cortelazzo, Corriere del Ticino, 25-06-2022Alberto Fraja, Il Tempo, 26-06-2022Jean Guichard, www.italie-infos.fr, 27-06-2022Luigi Spagnolo, Treccani, 01-07-2022Livio Partiti, Il Posto delle Parole, 17-07-2022Roberto Carnero, Il Piccolo di Trieste, 18-07-2022Arnaldo Benini, Corriere del Ticino, 29-07-2022Lorenzo Tomasin, Domenica - Il Sole 24 Ore, 31-07-2022Giacomo Ruggeri, recensionedilibri.it, 02-08-2022Gianni Maritati, Leggere: Tutti, 07-08-2022Antonio Socci, Libero, 13-08-2022Ugo Cundari, il Mattino, 21-08-2022Gianni Santamaria, Avvenire, 01-09-2022Giuseppe Antonelli, Corriere della sera, 06-11-2022