Carocci editore - Nietzsche e la storia

Password dimenticata?

Registrazione

Nietzsche e la storia

Eugenio Mazzarella

Nietzsche e la storia

Storicità e ontologia della vita

Edizione: 2022

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788829012794

  • Pagine: 216
  • Prezzo:22,00 20,90
  • Acquista

In breve

Il volume, edito per la prima volta nel 1983 e ormai considerato un classico della letteratura su Nietzsche, ha contribuito a rinnovare l’interpretazione del suo pensiero mostrandone da un lato l’ambiguità romantica – la tensione cioè tra ontologia della vita e pensiero della storicità – e dall’altro il fondamentale impianto sistematico di tale ambiguità, pur nei diversi registri della scrittura del grande filosofo. È un libro che ha acquisito in modo definitivo la riflessione di Nietzsche sia alla “coscienza storica” nel riesame di sé da questa vissuto nel Novecento, sia alla rilegittimazione della domanda ontologica nel pensiero contemporaneo, che in Heidegger ha trovato il suo punto di maggiore accumulazione teorica. Vi viene argomentato come Così parlo Zarathustra rappresenti – nella sua pretesa di oltrepassare il nichilismo – l’arretramento del pensiero di Nietzsche rispetto alla sua vera scoperta: la storicità dell’esserci come volontà spintasi, nel prospettivismo, alla sua massima esposizione sul suo “nulla”, sulla sua infondatezza metafisica; come, cioè, nello Zarathustra l’expeditio in novum dell’umanità prospettica non regga il vuoto da essa scoperto e cerchi nell’identità dell’eterno una restitutio in integrum della sua scoperta finitezza.

Indice

Premessa
Introduzione
1. Restitutio in integrum ed «Imperfetto mai compiuto»: l’ontologia della vita di Nietzsche tra metafisica dell’universale e fondazione della storicità

La nascita della tragedia: ontologia della vita universale e istanza apollinea della forma/Fisiologia della vita come storica: Sull’utilità e il danno della storia per la vita/Fisiologia della «verità»: l’uomo come animal interpretante. Verità e menzogna in senso extramorale
2. L’expeditio in novum. Umanità prospettica e nichilismo
Il «programma storico» dell’illuminismo nietzscheano/Tra ontologia della finitezza e «passione della verità»/Il prospettivismo nietzscheano come determinazione dell’essere dell’ente e come esperimento con la vita. Critica del soggetto e dissoluzione «logica» dell’identità/La «semplificazione» alla volontà della fisiologia del vivente. L’«identificazione» volitiva del Sé nel mondo aperto del prospettivismo. Il nichilismo come stato normale e normativo dell’umanità prospettica
3. La fune del ritorno. Identità dell’eterno
La «sintesi» zarathustriana della filosofia di Nietzsche. L’eterno ritorno dell’eguale come autoidentificazione di una volontà identificante il mondo/Malia dell’anamnesi: la dissoluzione dell’ontologia della vita finita di Nietzsche e della sua teoria della storicità nell’eccesso anamnestico della volontà istallantesi nel «ritorno»./L’autosuperamento nichilistico del nichilismo: il «ritorno di Dioniso»/La «posizione» metafisica della riduzione nietzscheana dell’ontologia della volontà alla sua fenomenologia. Volontà originaria e compimento della metafisica
Appendice
1. Esistenza storica e virtù della terra: uomo e natura in Karl Löwith e Martin Heidegger
2. L’angelo e l’attesa. Allegoria e simbolo nelle Tesi di filosofia della storia di Walter Benjamin
3. Dilthey e Nietzsche
Indice dei nomi