Carocci editore - L'infinito proliferare dell'essere

Password dimenticata?

Registrazione

L'infinito proliferare dell'essere

Daria Catulini

L'infinito proliferare dell'essere

Poesia e immaginario in Andrea Zanzotto

Edizione: 2021

Collana: Lingue e Letterature Carocci

ISBN: 9788829011353

  • Pagine: 156
  • Prezzo:17,00 16,15
  • Acquista

In breve

Il volume contestualizza l’opera di Andrea Zanzotto entro un discorso di tipo filosofico e antropologico nel quale risulta centrale la nozione di “immaginario”, essendo la più adatta a descrivere alcune costellazioni tematiche che vi appaiono talvolta immutabili, altre volte soggette a trasformazioni tanto profonde quanto impercettibili. Dopo una prima analisi dell’idea zanzottiana di linguaggio come oggetto perennemente in bilico tra la sua natura di struttura antropologica e quella di strumento regolato dall’individuale arbitrio, il libro esamina la valenza filosofica della botanica e della geologia; questi due universi, infatti, forniscono a Zanzotto il lessico per definire un umore poetico che oscilla tra vitalismo panico e malinconia cronica. Infine viene presa in considerazione la categoria della spazialità, che vuole andare oltre quella di paesaggio, rendendo così giustizia allo spessore di una scrittura che corteggia la forma di un filosofare in versi. Dunque, qual è il vero tema della poesia zanzottiana? Per rispondere si rivela fondamentale l’approccio comparativo, grazie al quale si costruisce un dialogo tra Zanzotto e alcuni interlocutori privilegiati: i filosofi Deleuze, Guattari, Foucault; i poeti Bonnefoy, Ottieri, Montale e altri ancora.

Indice

Introduzione
1. Questioni preliminari: la forma del linguaggio
2. L’immaginario vegetalistico

Un’idiota fioritura/«L’albero che non c’è»/Rizoma: una «metafora suggestiva»/Il perverso pullulio della realtà/Le botaniche parallele
3. La rêverie geologica
Conglomerati: una metafora viscosa/Una temporalità abissale
4. Il “vero tema” tra irrappresentabilità e comparativismo
Caduta dal mondo, verso l’altrove/Tra percezione e immaginario: uno “sguardo in fuga”/«Lo spazio, forma a priori della fantastica»
Bibliografia