Carocci editore - I luoghi della cultura

Password dimenticata?

Registrazione

I luoghi della cultura

Albertina Vittoria

I luoghi della cultura

Istituzioni, riviste e circuiti intellettuali nell'Italia del Novecento

Edizione: 2021

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788829011292

  • Pagine: 268
  • Prezzo:27,00 25,65
  • Acquista

In breve

Gli intellettuali italiani del Novecento dove si ritrovavano per fare programmi, organizzare incontri, fondare riviste e ideare collane editoriali? Il volume ripercorre la storia dei luoghi della cultura nel nostro paese, individuando il modo concreto nel quale gli intellettuali agirono nella società, al di là degli strumenti tradizionali della letteratura, dell’arte, della scienza, spingendosi perfino a utilizzare i mezzi propri della politica. Fu infatti nel contesto delle trasformazioni economiche e sociali avvenute tra XIX e XX secolo che si determinò il passaggio dal letterato ottocentesco all’intellettuale, organizzatore di cultura e partecipe della vita sociale e politica, disposto anche ad abbandonare la propria professione per divenire un politico tout court. Nell’Italia dello scorso secolo la presenza sulla scena pubblica degli intellettuali e delle istituzioni alle quali diedero vita ha conosciuto momenti diversi, accentuandosi o attenuandosi, e caratterizzandosi al di fuori o all’interno dello Stato. Il libro ne segue le vicende fino alla costituzione del ministero per i Beni culturali e ambientali nel 1975 e alla riorganizzazione del finanziamento statale agli enti culturali.

Indice

Introduzione
1. Il primo Novecento

Il «mercato»/Gli «strumenti della coltura»/Croce e Gentile/Accademie e istituti culturali/Intellettuali e movimenti politici/La guerra e la mobilitazione degli uomini di cultura
2. Il fascismo
Dopo la guerra/Il fascismo e gli intellettuali/Accentramento, coordinamento e controllo politico/Giovanni Gentile e l’organizzazione della cultura/Nuove istituzioni culturali/Giuseppe Bottai e la formazione di una nuova classe dirigente/Gli anni Trenta. La fascistizzazione delle strutture culturali e le leggi razziali/La difesa dell’autonomia della cultura/Riviste di giovani: impegno o disimpegno dell’intellettuale?/La guerra e l’«interventismo della cultura»
3. Il secondo dopoguerra
Ripresa, continuità e nuovi enti culturali/Le riviste. Organizzazione della cultura e «circolazione delle idee»/ Le politiche culturali dei partiti. Guerra fredda/1956, uno spartiacque
4. Gli anni Sessanta e gli anni Settanta
Istituti e centri di ricerca negli anni Sessanta/Verso e dopo il Sessantotto/Intellettuali, enti di cultura e società di massa/Nascita del ministero per i Beni culturali e ambientali
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi