Carocci editore - Il gusto della miniatura in Italia

Password dimenticata?

Registrazione

Il gusto della miniatura in Italia

Simonetta Nicolini

Il gusto della miniatura in Italia

Un percorso tra letteratura artistica e altre fonti (secc. XIV-XVIII)

Edizione: 2021

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788829009541

  • Pagine: 440
  • Prezzo:49,00 46,55
  • Acquista

In breve

Il volume percorre la fortuna critica della miniatura attraverso testimonianze letterarie e fonti artistiche. A partire dai versi di Dante dedicati a Oderisi da Gubbio e Franco Bolognese si impone la presenza dei miniatori nelle fonti medievali e rinascimentali (Petrarca, Pietro Summonte, Marcantonio Michiel) e si cominciano a stabilire le parole e le formule ecfrastiche per definire l’arte della miniatura come pittura in piccolo. A metà del XVI secolo, Giorgio Vasari dà forma alle biografie di alcuni miniatori e crea un lessico dedicato alla loro arte. La sua eredità è raccolta nel Seicento dalla letteratura locale e dall’erudizione, che introducono anche confronti e sovrapposizioni fra la miniatura antica e le sue espressioni in epoca moderna. Nella prima metà del Settecento, il collezionismo, l’avvento dei dizionari artistici, i cataloghi di biblioteche e il ritorno dell’italiano nella comunicazione tra uomini di lettere favoriscono l’affinamento della ricerca storica e della lingua che descrive la miniatura, come mostrano i casi di Apostolo Zeno e di Giovanni C. Trombelli, precursori della connoisseurship.

Indice

Introduzione
1. La ricezione della miniatura tra XIV e XVI secolo

Una premessa di metodo/Uno sguardo al lessico fra Duecento e Trecento/All’origine della fama dei miniatori/Uno stile per Oderisi da Gubbio e Franco Bolognese/Francesco Petrarca e la pagina miniata/Parole di umanisti/Guardare le figure/Libri miniati come ornamento della casa e della città/La miniatura al tempo del declino del libro manoscritto/Antefatti per la storia della biografia del miniatore/Tra Pietro Summonte e Marcantonio Michiel/Miniature come piccoli quadri/Imitazioni in miniatura
2. Il ruolo di Vasari
Alcune precisazioni/Una definizione di miniatura per una visione storiografica/I miniatori di Vasari/Il profilo topico del miniatore/Parole per la miniatura/Dal lessico tecnico alla maniera in miniatura/Giulio Clovio miniatore perfetto
3. L’eredità vasariana
Ambivalenze della teoria, localismi, nobiltà dell’arte, repliche e invenzioni tra Cinquecento e Seicento/Tra Medioevo e moderno/La miniatura come professione/Erudizione sacra e premesse per una riscoperta della decorazione libraria medievale/A margine, alcune questioni sullo stile/L’occhio di Giulio Mancini, di Sebastiano Vannini e la miniatura/Giovanni Baglione e la miniatura arte moderna/Fiorentinità a oltranza di Filippo Baldinucci/Il miniatore tirato per i capelli tra Baldinucci e Malvasia/Dalla storia all’invenzione (vita del Monaco delle Isole d’Oro)
4. Verso una storia della miniatura
Un secolo di novità per il metodo/Itinerari eruditi tra Francia e Italia/Il gusto medievale tra le righe dell’erudizione/Montfaucon illustratore sistematico/Iniziali miniate come geroglifici/Ricerche erudite italiane/Dizionari al servizio del collezionismo e del gusto/Novità per la miniatura nelle riproduzioni a incisione/La miniatura nei cataloghi delle biblioteche, i casi di Assemani e Biscioni/Miniature selezionate per il mercato/Gusto arcadico/Apostolo Zeno conoscitore di miniatura/Miniatori veronesi e “pittura degli affetti”/Alcune osservazioni su Giovanni Lami e la miniatura/Ancora paleografia/Giovanni Crisostomo Trombelli e la classificazione della decorazione miniata
Conclusioni
Ringraziamenti
Bibliografia
Referenze iconografiche
Indice dei codici e libri a stampa miniati e delle miniature
Indice dei nomi