Carocci editore - I volti della cucina

Password dimenticata?

Registrazione

I volti della cucina

Antonella Campanini

I volti della cucina

Dispute antiche e moderne tra arte e natura

Edizione: 2021

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788829009213

  • Pagine: 112
  • Prezzo:13,00 12,35
  • Acquista

In breve

La cucina, nel corso dei secoli, si è vista attribuire connotazioni differenti che dipendono da un’annosa disputa: se la cottura e le preparazioni semplici allontanano l’uomo dallo stato ferino e sono dunque percepite normalmente in modo positivo, la ricerca della raffinatezza e il distaccarsi eccessivo dalla natura possono conferire alla cucina stessa un alone negativo, che spesso coinvolge il cuoco che la pratica. Tutto dipende dal valore che si assegna alla natura da una parte e all’intervento dell’uomo dall’altra e, in materia, i punti di vista sono tanti e variegati. Meglio l’alimento più semplice e naturale, o a uscirne vincitore è il cuoco-artista che lo rende, trasformandolo, un’opera nuova e originale? Che cosa fa bene e che cosa nuoce alla salute del corpo e a quella spirituale? Il volume illustra le diverse risposte che tali domande hanno ricevuto nel tempo ricostruendo un fenomeno che investe sì la sfera culinaria ma anche, più in generale, l’uomo e il suo rapporto, mai univoco, con il cibo.

Indice

Introduzione
1. Età dell’oro vs paese di Cuccagna

Un cibo già pronto/Preparazioni culinarie/Modelli a confronto
2. Il protagonista: il cuoco
La creazione del nuovo/Vero artista.../... o abile adulteratore?/Dalla sintesi all’analisi: cambiamenti di prospettiva
3. Eccesso e misura
Il troppo che stroppia e il peccato di gola/Ancora la Chiesa: eremiti crudisti (o quasi) e monaci cucinieri/Limiti imposti all’arte/L’importante è non strafare
4. Secolo dei Lumi e pensiero gastronomico: storia della cucina tra natura e artificio
Oriente voluttuoso e corruzione occidentale/Tutta colpa di Caterina?/Maledetto ragù/Quid novi?/Accade in Italia
5. Differenti prospettive
«Chi rimpiange tanto la semplicità dei tempi antichi ha più zelo che erudizione»: Pierre Jean-Baptiste Le Grand d’Aussy/«Non siamo meno golosi dei nostri antenati»: Jean-Anthelme Brillat-Savarin/«La cucina è una bricconcella»: Pellegrino Artusi/Epilogo
Bibliografia
Indice dei nomi
Indice dei luoghi