Carocci editore - La bellezza è un'abitudine

Password dimenticata?

Registrazione

La bellezza è un'abitudine

Mariagrazia Portera

La bellezza è un'abitudine

Come si sviluppa l'estetico

Edizione: 2021

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788829004096

  • Pagine: 164
  • Prezzo:17,00 16,15
  • Acquista

In breve

La bellezza è un’abitudine? Veniamo al mondo già dotati di competenza estetica, cioè della capacità di “sentire” il bello e di apprezzare esteticamente oggetti ed eventi o, piuttosto, ce ne formiamo l’abito gradualmente? Questo libro, con un approccio interdisciplinare al confine tra storia della filosofia, arti, biologia e scienze cognitive, mette a fuoco il “tempo lungo” dell’aisthesis: quello del suo sviluppo nella vita individuale, tra vincoli biologici e routine specifiche della nicchia entro cui siamo inseriti. L’autrice, indagando la complessa famiglia di concetti che fa capo a quello di “abito” (habit, hexis, ethos, habitude, coutume), mostra come, da un lato, l’essere umano – anche per ragioni biologiche – non possa prescindere dall’acquisizione di habits in grado di dare forma al suo esperire (soprattutto estetico); dall’altro lato, come la contemporaneità iperestetizzata sembri oggi esigere, anziché una paziente formazione di abiti, l’adozione di labili, incostanti e volubili “belle” abitudini. Attraverso un’esplorazione appassionante che muove dal pensiero aristotelico per spingersi sino alle scienze cognitive e alle neuroscienze contemporanee, il volume sottolinea il valore della condivisione d’esperienza, dell’educazione estetica sin dall’infanzia, della curiosità e dell’“apertura alle cose” come vie possibili per la coltivazione della hexis aisthetikè.

Indice

Un’introduzione
1. Status quaestionis

Il ritorno del concetto/Estetico e vita. Lo sfondo/Figure dell’abito: il bambino, l’esperto, il formatore
2. Costellazione di significati
Una lunga storia/A partire da Aristotele/Spinoza e Leibniz/La doppia legge e la grazia/Individuale e sociale/Abitudini, soggettività, corpo/Memorie, abitudini, meccanismi/Neurofisiologia degli habits e scienze cognitive/Un tentativo di (non) definizione
3. Un’idea di estetico: l’hexis aisthetikè
Molti modi di dire “estetico”/L’hexis estetica: percezione e attenzione/L’hexis estetica: la componente emotiva e cognitiva/Riflessività: flettersi su di sé/Ione o dell’imporsi/Una sintesi/Nicchie e mosaici/La grazia 4. Formazione e politica dell’abito: la via estetica
Estetizzazione/Nudging estetico/Formare, formarsi/(Ri)educare: espansione, piccoli passi, poter-essere-colpiti
Conclusioni e conseguenze
Bibliografia