Carocci editore - «Pigliare occhi, per aver la mente»

Password dimenticata?

Registrazione

«Pigliare occhi, per aver la mente»

Laura Pasquini

«Pigliare occhi, per aver la mente»

Dante, la Commedia e le arti figurative

Edizione: 2020

Collana: Saggi

ISBN: 9788829002887

  • Pagine: 288
  • Prezzo:24,00 22,80
  • Acquista

In breve

Quali immagini ha visto Dante? Su quali di esse si è soffermato a pensare? Che ruolo hanno avuto nella scrittura della Commedia? In questo volume, Laura Pasquini ci guida come in un ideale viaggio (Firenze, Roma, Padova, Ravenna, Venezia) attraverso le opere che hanno agito sulla principale creazione dantesca. Mosaici, affreschi, sculture, di cui Dante non parla direttamente, ma che di certo hanno catturato la sua attenzione, finendo per concorrere in vario modo alla costruzione dell’immagine poetica. Talvolta presenza emersa dalla memoria, talvolta riconoscibile spunto figurativo consapevolmente amplificato. Ne risulta un libro fitto di richiami testuali e di prospettive inedite su quello che dovette essere l’immaginario dell’Alighieri; un libro ricco di suggestioni e di scoperte affascinanti (in particolare sul suo soggiorno romano in occasione del Giubileo del 1300) corredato di un denso e prezioso apparato iconografico.

Indice

Introduzione
1. Patire l’inferno

«Vidi genti fangose in quel pantano, / ignude tutte, con sembiante offeso»: l’inferno di Torcello/«Vidi tre facce a la sua testa»: fonti figurative del vultus trifrons/«Da ogne bocca dirompea co’ denti / un peccatore»: l’Inferno di Coppo di Marcovaldo/L’Inferno di Giotto e l’Inferno di Dante/Tra le infinite fonti figurate del bestiario
2. Sentire il purgatorio
Quale purgatorio?/«Non sembiava imagine che tace»: un nuovo orientamento nell’arte/Il «visibile parlare»: la traduzione visiva dell’atmosfera/«Come per sostentar solaio o tetto»: la sofferenza del telamone/Oderisi e Franco: qualche cenno sulla miniatura a Bologna al tempo di Dante/«Credette Cimabue ne la pittura tener lo campo»: il cambiamento epocale/«Come, perché di lor memoria sia»: la superbia punita e l’immedesimazione/«Sentiti, non però visti»: evanescenza delle visioni e consistenza degli angeli
3. Figurare il paradiso
Paradiso terrestre: la natura/Paradiso terrestre: la visione/Dante musivarius/Paradiso IV: la visualizzazione del dogma e l’immagine di san Lorenzo/«Sotto l’ombra de le sacre penne / governò ’l mondo»: Giustiniano e Costantino/«Etterne rote», «santi giri» e «archi paralelli e concolori»: geometrie luminose degli spiriti sapienti/La croce nel cielo di Marte e il suo «essempro degno»/Le «cento sperule» e la visione geometrica di Dio/«Vergine Madre, figlia del tuo figlio»: l’immagine lucente di Maria
Le stelle
Note
Bibliografia
Indice dei nomi
Indice dei luoghi

Watch Porn Video