Carocci editore - L'Italia del terrorismo: partiti, istituzioni e società

Password dimenticata?

Registrazione

L'Italia del terrorismo: partiti, istituzioni e società

L'Italia del terrorismo: partiti, istituzioni e società

a cura di: Riccardo Brizzi, Giovanni Mario Ceci, Michele Marchi, Guido Panvini, Ermanno Taviani

Edizione: 2021

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788829001200

  • Pagine: 340
  • Prezzo:36,00 34,20
  • Acquista

In breve

Il volume ricostruisce, per la prima volta in modo sistematico nel panorama editoriale del nostro paese, come gli italiani vissero gli “anni di piombo”. In particolare, sulla base di una vasta e articolata documentazione, esamina le posizioni e le reazioni dei principali partiti e sindacati, di importanti istituzioni (magistratura, forze dell’ordine, Parlamento, Chiesa), di alcune categorie cruciali della società italiana (le donne, gli intellettuali), delle più diffuse voci ed espressioni dell’opinione pubblica e della cultura (giornali, radio, televisione, cinema). Non i protagonisti del terrorismo e dello stragismo, dunque, ma tutti gli altri attori e soggetti le cui posizioni, percezioni, atteggiamenti, valutazioni sono analizzati nel libro con l’intento di giungere a un’ancora più profonda, matura, e necessaria, comprensione di quella drammatica stagione.

Indice

Introduzione. Studiare l’Italia del terrorismo di Riccardo Brizzi, Giovanni Mario Ceci, Michele Marchi, Guido Panvini ed Ermanno Taviani
Ringraziamenti
Parte prima
I partiti
1. La Democrazia cristiana di fronte ai terrorismi
di Giovanni Mario Ceci
«Attaccare, colpire, liquidare e disperdere la Democrazia cristiana»/Un fenomeno scoperto in ritardo e sottovalutato?/Il partito degli opposti estremismi?/Il problema della risposta tra legittimità ed efficacia: il “paradigma dell’annacquamento”/Un compromesso storico nel nome dell’emergenza terroristica?
2. Il Partito socialista e il terrorismo di sinistra di Paolo Mattera
Iniziali incomprensioni/La svolta del sequestro Sossi: cauto rigore e convinto garantismo/La prima fase di Craxi e il movimento del 1977/Il sequestro Moro/Un nuovo clima e la scelta della “governabilità”
3. Il PCI e le “minacce alla democrazia” di Ermanno Taviani
Premessa/I nodi del 1968/Di fronte alla strategia della tensione/I dilemmi della battaglia contro il terrorismo e l’estremismo di sinistra
4. Le destre di fronte all’eversione nera. Il terrorismo neofascista negli interventi parlamentari del PLI e del MSI (1969-74) di Francesco di Pompeo
Di fronte alle bombe del 1969/La strage della questura di Milano/Le stragi del 1974/Considerazioni finali
5. «Il tempo dell’emergenza e del supremo rigore»: il PRI e il terrorismo (1969-86) di Corrado Scibilia
Il vuoto di potere/«Ma chi sono i brigatisti rossi?». Lo sforzo di comprendere/Figli di Beccaria
6. Il partito della crisi? Il PSDI, la strategia della tensione e il terrorismo rosso (1969-78) di Andrea Argenio
La morte di Annarumma e piazza Fontana/Il partito d’ordine e la minaccia neofascista/Opposti estremismi e terrorismo di sinistra/Conclusioni
7. Violenza, nonviolenza, Stato di diritto: i radicali di fronte al terrorismo di sinistra di Lucia Bonfreschi
Dalla violenza delle istituzioni al “non uccidere”: l’interpretazione radicale del terrorismo di sinistra/La linea politica del PR tra opposizione alla solidarietà nazionale e uscita dal terrorismo (1978-83)
Parte seconda
L’opinione pubblica
8. Tradurre la legge, testimoniare la cittadinanza. Magistrati e giuristi nel dibattito pubblico italiano sul terrorismo (1975-82)
di Andrea Baravelli
“Non di sole sentenze”. Magistratura, trasformazione italiana e scoperta di un nuovo protagonismo/Tra garantismo e “pentiti”. Il dibattito pubblico sulle leggi speciali/Alle origini del populismo giudiziario: Pietro Calogero e l’inchiesta 7 aprile
9. Manlio Rossi-Doria nella crisi della Repubblica di Emanuele Bernardi
Il pericolo della destra/Crisi del Mezzogiorno, crisi della Repubblica/1976-78: apertura (e chiusura) di una nuova fase
10. Lotta continua e gli anni di piombo. Tra giustizia borghese e giustizia proletaria di Roberto Colozza
LC sola contro tutti/Usi e abusi della «giustizia borghese»/Contro la «repressione». L’unione fa la forza?
11. La radio e il terrorismo negli anni Settanta: tra blackout dell’informazione e copertura mediatica di Raffaello Ares Doro
Le radio “democratiche”: tra militanza, creatività e informazione/Dal Settantasette al caso Moro/Radio e terrorismo negli anni del riflusso/Conclusioni
12. L’opinione pubblica italiana di fronte agli ultimi omicidi brigatisti degli anni Ottanta di Domenico Guzzo
La messa alle spalle degli “anni di piombo” nell’immaginario ottantino/La debole reazione
13. L’opinione pubblica e il caso Leighton di Francesco Davide Ragno
L’obiettivo: Bernardo Leighton/Una regia internazionale/Leighton e il cattolicesimo italiano diviso/Note conclusive
14. Le Brigate rosse e la stampa: i casi Sossi e D’Urso di Davide Serafino
Un rapporto complesso/«Sedicenti» Brigate rosse/Tre sequestri/Cassa di risonanza/Il blackout
15. Attraverso la lente della violenza. Per una re-visione del cinema italiano degli anni Settanta in una prospettiva storico-politica di Maurizio Zinni
La violenza politica e il cinema italiano degli anni Settanta/Un cinema della paura?/Italia paese di santi, poeti e poliziotti/Nemico pubblico numero uno: lo Stato/C’eravamo tanto amati...
Parte terza
Istituzioni e società
16. Il terrorismo e la destabilizzazione della democrazia italiana: il dibattito parlamentare sulla crisi istituzionale (1976-79)
di Vera Capperucci
Premessa/1976-79: una parentesi nel percorso di riforma come soluzione alla crisi del sistema democratico/1976-77: il Parlamento tra radicalizzazione del terrorismo e formula delle astensioni/1978-79: dalla solidarietà nazionale allo scioglimento anticipato delle Camere
17. Una certa reciprocità di saperi: dalla lotta a terrorismo e mafia ai metodi investigativi tra Italia e Stati Uniti di Antonino Blando
Tra antiterrorismo e antimafia/Saperi e tecniche transcontinentali
18. La risposta dello Stato: le strutture speciali per il contrasto al terrorismo politico di Vittorio Coco
Gli studi/Per due biografie/L’Arma e la PS
19. Antiterrorismo degli anni Settanta e Ottanta in Italia di Gabriele Durante e Antimo Luigi Farro
Premessa/L’antiterrorismo e i suoi antagonisti/La leadership nei reparti antiterrorismo e la figura del generale Dalla Chiesa/Terrorismo di destra e terrorismo di sinistra/La gestione degli arrestati e dei pentiti/Senso attribuito all’antiterrorismo dai militari delle Sezioni anticrimine
20. Processo “collaborativo” e processo “interpretativo” di costruzione narrativa per lo studio sociologico del terrorismo italiano: simmetrie e integrazioni di Liana Maria Daher
Proposta metodologica per lo studio sociologico del terrorismo italiano/Sulle simmetrie e sulle integrazioni tra metodi e tra discipline: note conclusive
21. La manifestazione di piazza contro il terrorismo, tra indignazione e desiderio di pace (1969-80) di Grégoire Le Quang
Mobilitarsi contro gli attentati della strategia della tensione: dall’antifascismo alla sfiducia verso lo Stato/Contro il terrorismo rosso: una mobilitazione tardiva ma di massa/Conclusioni
22. Il femminismo italiano degli anni Settanta e il nodo problematico della violenza politica di Santina Musolino
Note introduttive e metodologiche/Tra estraneità e responsabilità: l’analisi della violenza politica nel dibattito femminista/Considerazioni finali
23. La CISL di fronte ai terrorismi e alle trame eversive degli anni Settanta di Chiara Zampieri
La CISL di fronte alla prima fase dei terrorismi/La CISL di fronte all’emergenza/Considerazioni finali
24. La Chiesa italiana di fronte allo stragismo di Guido Panvini
Premessa: la Chiesa e i terrorismi italiani/Di fronte all’attentato di piazza Fontana/Le stragi del 1974/ Conclusioni: 2 agosto 1980
Indice dei nomi