Carocci editore - La vulnerabilità come metodo

Password dimenticata?

Registrazione

La vulnerabilità come metodo

La vulnerabilità come metodo

Percorsi di ricerca tra pensiero politico, diritto ed etica

a cura di: Annalisa Furia, Silvia Zullo

Edizione: 2020

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788829000050

  • Pagine: 172
  • Prezzo:19,00 18,05
  • Acquista

In breve

Che cosa significa riposizionare la vulnerabilità al centro del pensiero politico, giuridico e bioetico occidentale? Quali ricadute ne derivano in termini teorico-concettuali, ad esempio in relazione ai concetti di sicurezza e di autonomia? Quali sono le conseguenze in termini di presa in carico dei soggetti vulnerabili, in particolare in ambito migratorio e nelle relazioni di cura? Attraverso un’indagine interdisciplinare, articolata in una parte teorico-dottrinale e in una empirica, il volume prende in esame i concetti, le norme e le pratiche interessate dal potenziale trasformativo della vulnerabilità, nonché i rischi e i limiti connessi all’impiego di tale prospettiva, con lo scopo di favorire lo sviluppo di percorsi di ricerca tesi a definire il portato della vulnerabilità come metodo, tanto in senso critico e decostruttivo, quanto in senso normativo e propositivo.

Indice

Introduzione di Annalisa Furia e Silvia Zullo
Parte prima
Percorsi di ricerca teorica
1. La libertà dopo la liberazione? Per un’analisi critica del rapporto tra vulnerabilità e sicurezza
di Annalisa Furia
Alle origini: protego ergo obligo/Ordine liberale e sicurezza sociale /(In)sicurezza neoliberale/Securitizzazione e vulnerabilità come resistenza/Riferimenti bibliografici
2. Definire e comprendere la vulnerabilità sul piano normativo: dalla teoria al metodo critico? di Silvia Zullo
Considerazioni critiche sulla teorizzazione della vulnerabilità/Quali possibili contorni in senso normativo?/La dialettica tra approcci universali e approcci relazionali/Le tesi di Fineman e la riflessione bioetica/La vulnerabilità come metodo critico/Riferimenti bibliografici
Parte seconda
Percorsi di ricerca empirica
3. Vulnerabilità strutturali e potenzialità di tutela per le persone richiedenti protezione internazionale
di Stefania Spada
La vulnerabilità categorizzata/Risemantizzare la vulnerabilità, ovvero andare oltre le categorie/La vulnerabilità: tra criticità strutturali e potenzialità di tutela/Riferimenti bibliografici
4. Vulnerabilità in contesto: per una sua ridefinizione nelle pratiche della salute di Ludovica De Panfilis
Metodologia/Risultati/Discussione e conclusioni/Riferimenti bibliografici
Parte terza
Considerazioni conclusive
5. Sulla vulnerabilità come metodo
di Annalisa Furia e Silvia Zullo
Vulnerabilità tra critica e proposta/Universalità e relazionalità: due dimensioni fondative e problematiche /Assonanze e dissonanze, limiti e potenzialità/La vulnerabilità come metodo, ovvero lo “stare nella relazione”/La vulnerabilità come metodo in senso propositivo-costruttivo/Riferimenti bibliografici Postfazione. Vulnerabilità fra teoria politica e testi normativi: un linguaggio nuovo per dire cose vecchie o un nuovo strumento teorico? di Emilio Santoro
Indice dei nomi
Le autrici