Carocci editore - Etnopsichiatria

Password dimenticata?

Registrazione

Promo del mese

Banner
Banner
Etnopsichiatria

Roberto Beneduce

Etnopsichiatria

Sofferenza mentale e alterità fra Storia, dominio e cultura

Edizione: 2019

Collana: Aula Magna (59)

ISBN: 9788843094738

  • Pagine: 400
  • Prezzo:17,00 14,45
  • Acquista

In breve

Il volume percorre quel paesaggio contrastato e affascinante che fa oggi dell'etnopsichiatria un sapere inquieto, ma a certe condizioni “sovversivo”. Nato in epoca coloniale, lo studio della malattia mentale in società non occidentali ha riproposto a lungo i cupi stereotipi dell’Altro e dell’alterità riprodottisi all'ombra del paradigma evoluzionistico, quando categorie diagnostiche finivano spesso con l’etichettare e stigmatizzare sotto forma di differenze culturali conflitti di natura sociale o politica. È solo con la fine del dominio coloniale che si determinano le condizioni di una nuova stagione di ricerche a partire dalla quale l'etnopsichiatria definisce il suo orizzonte più noto: l’analisi delle rappresentazioni della malattia o della persona, il dialogo con i guaritori e le terapie tradizionali, ma anche la critica della psichiatria occidentale e la clinica della migrazione.

Indice

Introduzione
Ringraziamenti
Parte prima. L’eredità della psichiatria coloniale

1. Politiche della cultura e dell’alterità
2. Pionieri della psichiatria transculturale: Gilles de la Tourette e Kraepelin
3. L’occultamento della Storia e l’assoggettamento dell’Altro nelle colonie
4. Frantz Fanon: la rottura, e la nascita di un’etnopsichiatria militante
Parte seconda. L’etnopsichiatria come etnoscienza
5. Le basi epistemologiche dell’etnopsichiatria contemporanea: Georges Devereux
6. Da Abeokuta a Dakar/Lavorare con i guaritori: promesse e contraddizioni di un incontro
Il bambino come corpo-frontiera fra mondo dell’invisibile e realtà sociale/Edipo in Africa
7. Nosologie tradizionali, depressione e culture-bound syndromes
La black depression: dagli stereotipi coloniali alle nuove politiche del Sé/La questione delle culture-bound syndromes, o l’ansia della classificazione
8. Avatar dell’etnopsichiatria in Italia
Guarire e destorificare: Ernesto de Martino/Le ambiguità del folklore e delle classi subalterne: Alfonso Maria di Nola/La verità del sortilegio: Michele Risso
Parte terza. Immigrati e rifugiati
9. L’avventura ambigua. Migrazione, nostalgia e disagio psichico
Un dolore ostinato: la nostalgia come rivolta silenziosa/Straniero e folle. La figura dell’immigrato nella geografia dello Stato-nazione
10. Dall’’indigeno’ all’immigrato: come curare l’Altro
Ethnoscape: il trionfo del trickster e dell’ibridazione/Cura e ’leve culturali’/La mediazione etnoclinica e il rito della traduzione/Rifugiati e vittime di tortura. Fra politiche della memoria e anestesia morale della violenza
Epilogo. L’incorporazione della storia, o le ragioni dell’etnopsichiatria
Note
Bibliografia
Indice analitico