Carocci editore - Umani e animali: questioni di etica

Password dimenticata?

Registrazione

Umani e animali: questioni di etica

Simone Pollo

Umani e animali: questioni di etica

Edizione: 2016

Collana: Quality paperbacks (484)

ISBN: 9788843084654

  • Pagine: 148
  • Prezzo:14,00 11,90
  • Acquista

In breve

Gli animali sono presenti nella vita umana sin dalle origini. Sono utilizzati per l’alimentazione, il lavoro e la ricerca, vivono nelle nostre case, condividono con noi gli spazi urbani e abitano gli ambienti selvatici che ci circondano. Il loro trattamento suscita accese discussioni pubbliche e un vivace dibattito teorico, in particolare per quegli usi, come alcune sperimentazioni, ai quali allo stato attuale non sembra ragionevole rinunciare. Il libro presenta tali questioni etiche sullo sfondo di una ricostruzione della realtà biologica e culturale del rapporto con gli animali e di una rassegna delle concezioni filosofiche passate e contemporanee. L’autore individua nei sentimenti e nella capacità umana di simpatizzare con gli animali le risorse per includerli nella considerazione morale e per riformare il modo di interagire con essi.


Molte volte, mentre scrivevo questo libro, ho interrotto il lavoro per nutrire Frida – la mia cagnetta, amata come una figlia – con carne di animali allevati al solo scopo di diventare cibo (un allevamento le cui conseguenze sull’ambiente mettono a rischio molte specie selvatiche). Dopo il pasto spesso è capitato che abbia dovuto dare a Frida una medicina che è stata sviluppata anche attraverso esperimenti su animali (quasi sicuramente roditori in prima battuta, e poi altri cani) per testarne l’eventuale tossicità e l’efficacia terapeutica. In pochi gesti quotidiani si trovano racchiuse molte delle diverse relazioni che gli esseri umani intrattengono con gli animali. Gli animali sono membri delle nostre famiglie, sono cibo, sono strumenti per la ricerca e sono vittime inconsapevoli delle nostre politiche di sviluppo. Essi sono «fratelli, compagni e schiavi», per usare le parole di Charles Darwin. È sempre più diffusa nella nostra società la convinzione che queste diverse modalità di relazione con gli animali debbano essere oggetto di considerazione e riflessione morale e da qualche decennio l’analisi filosofica se ne occupa in modo sistematico, avendo istituito un vero e proprio dominio di ricerca sotto la denominazione di «etica animale». Il libro vuol essere un contributo in questo campo, perseguendo tre scopi strettamente intrecciati.

Anzitutto, si offre un quadro sintetico, ma realistico e informativo, di alcuni fatti che riguardano le relazioni dell’Homo sapiens con le altre specie animali. In secondo luogo, si presentano alcune posizioni teoriche del passato e, dopo avere mostrato come si costituisce l’odierno campo di ricerca dell’etica animale, alcune contemporanee. Infine, discutendo tre grandi categorie di interazione con gli animali – l’uso alimentare, l’utilizzo a scopo di ricerca e la tutela degli animali selvatici – si propone un punto di vista alternativo alla concezione prevalente nell’attuale dibattito dell’etica animale. […]

Punto fermo e centrale del metodo naturalistico qui adottato è la teoria dell’evoluzione darwiniana che, nata dal genio scientifico di Charles Darwin (1967; 1990), è oggi il nostro migliore strumento di comprensione dei dati fondamentali sugli esseri viventi e il termine di confronto imprescindibile per qualsiasi analisi etico-filosofica interessata a esaminare la reale esperienza morale degli esseri umani. L’opzione naturalistica darwiniana serve qui, anzitutto, per una comprensione realistica delle relazioni fra umani e animali (che più correttamente dovremmo chiamare “animali non umani”, ma che per esigenze stilistiche saranno solo “animali”). In questa ricostruzione naturalistica il lettore non troverà una discussione teoricamente importante, ma che qui si è ritenuta non essenziale. Non c’è nel libro, infatti, un esame analitico della questione della mente animale, ovvero della natura e dell’estensione della capacità degli animali di avere emozioni, cognizioni e capacità di comunicazione. Che un grande numero di animali, in modi diversi a seconda delle specie, abbia facoltà del genere è un dato fuori discussione che qui si dà come acquisito.

Il secondo fine che si persegue con la metodologia naturalistica è quello della comprensione dell’esperienza morale umana e delle sue possibilità. Un punto di vista naturalizzato sulla psicologia morale, infatti, consente di mettere in discussione alcune pretese delle concezioni normative dominanti nell’etica animale, elaborate attorno al rifiuto dello “specismo”, vale a dire l’idea che operare differenze di trattamento sulla base dell’appartenenza di specie sia un errore morale analogo al razzismo e al sessismo. Da questa critica delle ambizioni dell’ugualitarismo antispecista e razionalista si tenterà di elaborare una prospettiva differente di natura sentimentalista, che mette al centro della vita morale i sentimenti e la simpatia e che consente agli agenti morali di entrare in contatto con le esperienze di altri esseri senzienti, non solo umani. Si tratterà di un sentimentalismo etico consapevole della necessità di abbandonare la visione antropocentrica che vede l’essere umano al centro del mondo vivente e in una posizione di dominio. Un antiantropocentrismo sentimentalista, tuttavia, è consapevole anche del fatto che tale cambiamento può essere elaborato solo dal punto di vista umano, con le sue potenzialità riflessive e trasformative, ma anche con i suoi limiti e parzialità. In questo senso, quindi, il libro non ambisce a fornire una concezione normativa compatta che dia indicazioni univoche per la condotta nei confronti degli animali. Si persegue invece lo scopo di fornire alcune conoscenze e strumenti teorici per riflettere criticamente sulle relazioni con gli animali. Come si vedrà, anche se non ne siamo spesso consapevoli, queste relazioni ci riguardano sempre e comunque, in quanto animali della specie Homo sapiens.


Indice

Introduzione
Fratelli, compagni e schiavi

1. Umani grazie agli animali
Gli animali sono ovunque / Un’evoluzione comune / Relazioni profonde

2. Etica e animali prima di Darwin
Le relazioni umani/animali e l’etica / Cartesio, un caso non esemplare / Continuità/discontinuità, inclusione/esclusione / «Legati in un’unica rete»

3. Etica animale, antispecismo, uguaglianza
Verso l’etica animale / L’antispecismo / Status morale e uguaglianza / Diritti animali

4. Liberare gli animali?
Animali e schiavitù / Dal basso e dall’interno / Il punto di vista umano

5. Gli animali come cibo
Sentimenti, simpatia e immaginazione / L’uso alimentare degli animali / Alimentazione e perfezionamento di sé

6. La sperimentazione animale
Gli animali nella scienza / Sperimentazione e tutela degli animali / Abolire la sperimentazione animale?

7. La vita selvatica
Animali selvatici e custodia umana / Darwinismo, antiantropocentrismo, rispetto / La conservazione della vita selvatica

Epilogo
Fra progresso morale e moralismo
Bibliografia
Indice dei nomi