Carocci editore - Una nazione di carta

Password dimenticata?

Registrazione

Una nazione di carta

Matteo Di Gesù

Una nazione di carta

Tradizione letteraria e identità italiana

Edizione: 2014

Collana: Lingue e Letterature Carocci (170)

ISBN: 9788843071616

In breve

È difficile ponderare con sicurezza se il sovradosaggio di autonarrazione, la sovrabbondante dotazione (quand’anche inconsapevole) di immaginario letterario di cui l’Italia dispone, abbia accresciuto la coscienza di sé della comunità nazionale e agevolato i processi di trasmissione e condivisione di istanze comuni; ovvero se, al contrario, questa topica, questa ostinazione originaria a raccontarsi e allegorizzarsi, abbia compromesso tale consapevolezza e abbia concorso ad alimentare e consolidare processi escludenti, fungendo da corredo ideologico. Questo saggio indaga la codificazione letteraria di alcune retoriche nazionali e di determinate immagini culturali, nonché la loro persistenza nello svolgimento della storia letteraria stessa: dalla fondazione dantesca e dalla formalizzazione esemplare che ne ha fatto Petrarca fino alla modernità (il motivo della lamentazione per le sorti dell’Italia, la trasfigurazione poetica del paesaggio del “bel paese”, l’invenzione – letteraria anch’essa – dei costumi e del carattere dei suoi abitanti). Il testo prova inoltre a formulare alcune considerazioni sul lascito residuo che, di questa tradizione, rimane per la “comunità che viene”.

Indice

Introduzione

1. Archetipi danteschi (quasi un prologo)

2. ?Italia mia?: genealogia di una tradizione

Una topica in versi.../... e in prosa

3. Il Bel Paese: una geografia letteraria

Occorrenze geoletterarie/Meridiani (e paralleli) letterari

4. La cittadinanza letteraria italiana. Digressione manzoniana

5. Il carattere degli italiani. Un’invenzione letteraria moderna

I costumi degli italiani: un’archeologia

6. L’affidabilità di un marchio garantito: “Letteratura italiana” (quasi un epilogo)

Ringraziamenti

Bibliografia

Indice dei nomi